I nostri geni possono influenzare il modo in cui i partner di una coppia si sostengono a vicenda, determinando dunque la qualità del rapporto e la sua durata. Questo è quanto sostengono i ricercatori che hanno scoperto come il gene recettore dell’ossitocina sia in grado di interferire con le relazioni, ecco cosa c’è da sapere.

Ossitocina mon amour. Gli esperti spiegano di aver identificato differenti genotipi del gene regolatore dell’ossitocina che influenzano come in una coppia ci si supporta a vicenda. L’ossitocina è infatti l’ormone associato all’amore e all’attaccamento, e in generale alla capacità di comprendere le emozioni altrui. Studi precedenti hanno dimostrato che la qualità dei rapporti è influenzata anche da fattori genetici e gli esperti si sono chiesti se i geni legati all’ossitocina fossero tra questo.

I rapporti di coppia in base all’ossitocina. Per rispondere alle loro domande, gli esperti hanno analizzato 79 coppia. Ad ogni partner è stato chiesto di identificare un loro problema non riguardante la coppia (ad esempio questioni sul luogo di lavoro) e di parlarne con il proprio innamorato per 10 minuti. Alle coppia è stato inoltre chiesto di rispondere, separatamente, a questionari utili a determinare la qualità del rapporto durante la conversazione affrontata precedentemente e sono stata raccolti campioni di saliva per analizzarne le caratteristiche genetiche indagate. I dati raccolti hanno dimostrato che alcuni particolari punti del gene che regola l’ossitocina avevano un impatto sui comportamenti dei partner che determinavano la percezione della qualità del rapporto.

Sostenersi a vicenda è fondamentale. Nello specifico, gli esperti hanno scoperto che gli uomini con un particolare genotipo, che è associato a sintomi di deficit sociali, si sentivano meno supportati dalla moglie e, in generale, percepivano il rapporto meno soddisfacente. “Per la prima volta abbiamo dimostrato che la variazione di specifici geni collegati al funzionamento dell’ossitocina hanno un impatto generale sulla qualità del rapporto, in parte perché sono rilevanti nel modo in cui i partner riescono a dare e riceve supporto l’uno dall’altro”, spiegano gli scienziati.

Rapporti ‘genetici’. Insomma, gli esperti sostengono che la genetica possa avere un ruolo nei rapporti di coppia, bisogna comunque tenere conto che l’espressione di alcune variazioni cambia molto a seconda del contesto.