11 Settembre 2021
14:27

I campioni di roccia prelevati su Marte possono contenere antiche bolle d’acqua

Ottenuti dal rover Perseverance durante Secondo la Nasa, potrebbero aver intrappolato minuscole bolle dell’acqua sotterranea del lago che un tempo riempiva il cratere Jezero: “Se presenti, potrebbero fungere da capsule temporali microscopiche, offrendo indizi sull’antico clima e sull’abitabilità di Marte”.
A cura di Valeria Aiello
La roccia marziana, soprannominata "Rochette", da cui il rover Perseverance della Nasa ha ottenuto i primi due campioni di carotaggio. Visibili i due fori: quello a sinistra, praticato il 7 settembre, ha permesso di raccogliere il campione chiamato "Montagnac", e quello di destra, effettuato il 1° settembre, ha portato al campionamento di "Montdenier".
La roccia marziana, soprannominata "Rochette", da cui il rover Perseverance della Nasa ha ottenuto i primi due campioni di carotaggio. Visibili i due fori: quello a sinistra, praticato il 7 settembre, ha permesso di raccogliere il campione chiamato "Montagnac", e quello di destra, effettuato il 1° settembre, ha portato al campionamento di "Montdenier".

I primi due campioni di roccia marziana raccolti dal rover Perseverance potrebbero contenere antiche bolle d’acqua. È quanto presume la NASA che al loro interno ha individuato la presenza di alcuni sali che potrebbero essersi formati quando le acque sotterranee del lago di Jezero hanno attraversato e alterato i minerali nella roccia, o più probabilmente quando l’acqua è evaporata. “I minerali di sale in questi primi due campioni di roccia potrebbero anche aver intrappolato minuscole bolle dell’antica acqua marziana – sospetta l’Agenzia spaziale statunitense – . Se presenti, potrebbero fungere da capsule temporali microscopiche, offrendo indizi sull’antico clima e sull’abitabilità di Marte”.

Il secondo campione, soprannominato Montagnac, è stato prelevato mercoledì 8 settembre dalla stessa roccia, chiamata Rochette, da cui lunedì 6 è stato raccolto con successo il primo campione, Montdenier. La roccia, che fa parte dell’area del cratere Jezero dove il rover della Nasa è arrivato nel febbraio 2021, è di composizione basaltica e i primi campioni di carotaggio potrebbero permettere al team scientifico di ricostruire la storia dell’area, segnata da una remota attività vulcanica e periodi di acqua persistente. “Sembra che le nostre prime rocce rivelino un ambiente sostenibile potenzialmente abitabile – ha affermato Ken Farley del Caltech, scienziato del progetto Perseverance presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA a Pasadena, in California – . È un grosso problema che l’acqua sia rimasta lì per molto tempo”.

Finora, gli scienziati non escludevano la possibilità che il lago, che un tempo riempiva il cratere Jezero, fosse dovuto ad acque alluvionali che avrebbero rapidamente riempito il cratere e per poi prosciugarsi nel tempo, ad esempio nell’arco di 50 anni. Tuttavia, il livello di alterazione che gli scienziati stanno osservando nei campioni di carotaggio ottenuti dalla roccia che il team ha deciso di ispezionare in questa prima fase sembrano suggerire che le acque sotterranee fossero presenti da molto tempo. Queste acque sotterranee “potrebbero essere collegate al lago che un tempo si trovava a Jezero, o potrebbero essersi infiltrate attraverso le rocce molto tempo dopo il prosciugamento del lago” precisano gli scienziati Nasa che, pur non essendo ancora in grado di dire se l’acqua che ha alterato queste rocce sia stata presente per decine di migliaia o per milioni di anni, sono più sicuri nell’affermare che sia rimasta nel sito abbastanza a lungo “da rendere l’area più accogliente per la vita microscopica del passato”.

I campioni di Marte sulla Terra

Questi primi due preziosi campioni, destinati ad essere spediti sul nostro pianeta a partire dal 2030 nell’ambito di un complesso programma chiamato Mars Sample Return (MSR) che la Nasa sta sviluppando con l’Agenzia spaziale europea (ESA), hanno “un alto valore per le future analisi di laboratorio sulla Terra” ha aggiunto Mitch Schulte, scienziato del programma della missione Perseverance – . Un giorno potremo essere in grado di elaborare la sequenza e la tempistica delle condizioni ambientali rappresentate dai minerali presenti in questa roccia. Ciò contribuirà a rispondere alla domanda scientifica sulla storia e la stabilità dell’acqua liquida su Marte”.

Nel frattempo, entrambi i campioni sono stati sigillati in tubi di titanio che per ora il rover conserva nel suo telaio, dove verranno stivati fino a quando il veicolo non li depositerà per il recupero da parte della missione futura. È probabile che verranno creati più “depositi” di stoccaggio, in modo da aumentare la probabilità che possano rimanere accessibili nel tempo. In totale, verranno raccolti altri 8 campioni, e il prossimo sito che verrà ispezionato si trova a soli 200 metri di distanza da Rochette, un’area chiamata South Seitah e caratterizzata da una serie di cresce coperte da dune di sabbia e frammenti di roccia.

I due campioni già prelevati dal rover rappresentano quello che probabilmente è uno degli strati rocciosi più giovani che si possono trovare nel cratere Jezero, mentre South Seitah dovrebbe risalire a un’epoca più remota, fornendo al team scientifico una visione più completa degli eventi che hanno modellato il fondo del cratere, incluso il suo lago. “Ogni campione – precisa la Nasa – , può servire come parte di un puzzle cronologico più ampio. Mettendoli nell’ordine giusto, gli scienziati avranno una visione cronologica dei più importanti eventi della storia del cratere”.

È improbabile che il coronavirus sulle superfici degli ospedali sia infettivo
È improbabile che il coronavirus sulle superfici degli ospedali sia infettivo
I danni al cervello da Covid-19 sono molto simili a quelli dell’Alzheimer
I danni al cervello da Covid-19 sono molto simili a quelli dell’Alzheimer
Questa barriera di bolle impedisce alla plastica di inquinare gli oceani
Questa barriera di bolle impedisce alla plastica di inquinare gli oceani
1.841 di CS Design
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni