498 CONDIVISIONI
24 Ottobre 2016
17:18

HIV ed Epatite: scoperte le cellule ‘traditrici’ che permettono ai virus di diffondersi

I ricercatori italiani del San Raffaele di Milano hanno scoperto come i virus dell’HIV e dell’Epatite riescano a sconfiggere il sistema immunitario sfruttando alcune cellule già presenti nel nostro corpo.
A cura di Zeina Ayache
498 CONDIVISIONI

I ricercatori dell'IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano hanno scoperto come i virus dell'HIV, dell'Epatite B e dell'Epatite C riescano ad evitare l'intervento del sistema immunitario e diffondere la malattia. Si tratta della prima volta in cui gli scienziati riescono ad osservare dal vivo i meccanismi attraverso cui questi organismi si diffondono. I risultati della ricerca, contenuti nello studio intitolato “Inflammatory monocytes hinder antiviral B cell responses”, sono stati pubblicati su Science Immunology.

Quando il nostro corpo viene attaccato da un virus, i linfociti B, un tipo di globuli bianchi, si attivano ed entrano in azione producendo anticorpi specifici: proteine a forma di Y che si attaccano ai virus e li sconfiggono o segnalano ad altre cellule, sempre del sistema immunitario, che intervengono per eliminarlo. In alcuni casi però, come con il virus dell'HIV, dell'Epatite B e dell'Epatite C, questo meccanismo non funziona: il virus riesce infatti a contrastare il sistema immunitario e a proliferare liberamente nell'organismo, diffondendo la malattia. Ma come ci riescono?

A darci una risposta sono proprio i ricercatori italiani che attraverso l'osservazione in vivo hanno fornito la prima spiegazione a livello molecolare di ciò che avviene. In vivo come? Attraverso la microscopia intravitale che simula l'interazione tra fattori fisici, cellulari e biochimici “che influenzano il comportamento delle cellule nei vasi, nei tessuti o negli organi è ancora fuori dalla portata dei più sofisticati metodi in vitro”, spiegano i ricercatori.

Con la microscopia intravitale, gli scienziati hanno osservato cosa accade nei linfonodi, il luogo da cui “partono” i linfociti B, e hanno scoperto che qui i virus chiedono l'aiuto delle cellule "traditrici" monociti infiammatori e le scatenano contro i linfociti B che muoiono. Insomma, senza linfociti B non ci sono anticorpi e i virus possono proliferare. A questo punto i ricercatori hanno pensato di intervenire direttamente sui monociti infiammatori eliminandoli, permettendo così al sistema immunitario di produrre anticorpi e sconfiggere i virus. Quanto scoperto potrebbe portare alla realizzazione di vaccini.

498 CONDIVISIONI
Scoperta Aids: scagionato il paziente zero Dugas, l'HIV era negli USA dal 1970
Scoperta Aids: scagionato il paziente zero Dugas, l'HIV era negli USA dal 1970
Scoperto come combattere la perdita dell’udito con le cellule staminali
Scoperto come combattere la perdita dell’udito con le cellule staminali
Ricerca italiana: scoperto come le cellule staminali “salvano” il cervello dopo un ictus
Ricerca italiana: scoperto come le cellule staminali “salvano” il cervello dopo un ictus
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni