Credit: Elias Levy
in foto: Credit: Elias Levy

Un’importante indagine sulle barriere coralline, chiamata Global FinPrint, ha mostrato una preoccupante diminuzione della popolazione di squali di barriera, una delle specie più comuni e diffuse in questi habitat. In un periodo di tre anni, quasi nessuna attività è stato osservata nel 19% delle barriere monitorate, indicando che i predatori si sono “estinti funzionalmente” in alcuni luoghi della Terra.

Squali "estinti funzionalmente": lo studio Global FinPrint

I risultati, pubblicati su Nature, riguardano l’analisi dei filmati di oltre 15mila stazioni video sottomarine localizzate su 371 barriere coralline di 58 diversi Paesi e hanno rivelato il profondo impatto che pesca e attività dell’uomo hanno avuto sugli squali. “Non abbiamo osservato squali su quasi il 20% delle barriere esaminate” scrivono i ricercatori che hanno analizzato oltre 18mila ore di filmati per misurare l’attività degli squali. Quasi nessuno squalo è stato segnalato in sei nazioni, Repubblica Dominicana, Antille francesi, Kenya, Vietnam, Antille olandesi e Qatar. “In questi Paesi, sono stati osservati solo tre squali durante più di 800 ore di indagine – ha dichiarato Colin Simpfendorfer, biologo marino della James Cook University di Douglas, in Australia, che ha collaborato allo studio – . Questo non significa che non ci siano mai squali su queste barriere coralline, ma che si sono “estinti funzionalmente” e non stanno giocando il loro normale ruolo nell’ecosistema"

Quando il team ha confrontato i dati del monitoraggio con l’attività dell’uomo, ha scoperto che una presenza scarsa o nulla di squali era strettamente correlata a diversi fenomeni. “Sebbene il nostro studio mostri il sostanziale impatto negativo dell’uomo sulle popolazioni di squali di barriera – ha spiegato Demian Chapman, ecologo e co-responsabile di Global FinPrint – ,  è chiaro che esiste un problema centrale nell’incrocio tra alte densità di popolazione umana, pratiche di pesca distruttive e cattiva governance”. Vero però anche il contrario. “Abbiamo osservato che possono esistere  robuste popolazioni di squali che vivono vicino alle persone quando queste hanno avuto la volontà, i mezzi e un piano per intraprendere azioni di conservazione” ha aggiunto Chapman.

L’elenco dei Paesi dove l’attività degli squali di barriera era sopra la media include invece Australia, Bahamas, Micronesia, Isole Salomone, Polinesia Francese, Maldive e Stati Uniti. Queste regioni, ritengono i ricercatori, sono state tendenzialmente ben governate nel tempo e hanno una forte gestione della pesca o della salvaguardia degli squali. “Le limitazioni posso includere alcuni determinate attrezzature da pesca oppure limiti di cattura e scambi, fino a divieti su scala nazionale – ha aggiunto Aaron MacNeil, biologo marino della Dalhousie University e primo autore dello studio – . Ora abbiamo un quadro più chiaro di cosa si può fare per limitare la cattura di squali di barriera in tutti i tropici”.