10.902 CONDIVISIONI
6 Agosto 2020
16:22

Gli spermatozoi ci hanno ingannato per tutto questo tempo: ecco perché

Diversamente da quanto ritenuto finora, gli spermatozoi non “nuotano” sbattendo la coda da un lato e dall’altro. Tecniche di microscopia 3D hanno permesso di ricostruire il loro vero movimento, rivelando che è simile a quello di una vite.
A cura di Valeria Aiello
10.902 CONDIVISIONI

Scoperti nel 1677 (anche se ci sono voluti quasi duecento anni prima che gli scienziati concordassero sulla fecondazione), gli spermatozoi hanno continuato a ingannarci per tutto questo tempo. Prima d’ora si riteneva infatti che, nel loro viaggio verso l’uovo, nuotassero sbattendo la coda da un lato e dall’altro. In realtà, come rivelato da un nuovo studio pubblicato su Science Advances, il movimento finora osservato non è altro che un’illusione ottica dovuta alle tecniche di microscopia 2D. L’utilizzo di tecnologie di visualizzazione 3D hanno infatti permesso di descrivere un moto asimmetrico, molto più simile a un avvitamento.

La ricerca è stata condotta dai ricercatori dell’Università di Briston, nel Regno Unito, in collaborazione con i colleghi dell’Università nazionale autonoma del Messico. “Quanto osservato ci ha sorpreso – ha commentato Hermes Gadelha, primo autore dello studio – . Abbiamo scoperto che la coda degli spermatozoi non si muove in modo simmetrico, ma da un solo lato”.

Il movimento (“un modo intelligente per spostarsi in avanti”) è stato compreso attraverso più di 55mila fotogrammi al secondo e l’uso di un microscopio 3D associato a un dispositivo piezoelettrico che muoveva velocemente il campione. in questo modo è stato possibile “scansionare” tridimensionalmente gli spermatozoi come mai prima d’ora. “Gli spermatozoi umani – dice Hermes Gadelha che ha collaborato alla ricerca – hanno capito che ruotando come una vite, riuscivano a spostarsi più efficacemente in avanti”.

La scoperta, spiegano i ricercatori, va ben oltre la curiosità scientifica, fornendo nuove speranze nel campo delle ricerche di trattamenti per l’infertilità maschile. “Con oltre la metà dei casi di infertilità dovuta a fattori maschiliha aggiunto Gadelha – , la comprensione del movimento della coda è fondamentale per lo sviluppo di strumenti diagnostici in grado di identificare gli spermatozoi non funzionali e potrà aiutare a comprendere qual è ruolo della motilità e il suo impatto nella fecondazione naturale”.

10.902 CONDIVISIONI
Contraccettivo rivoluzionario a base di anticorpi monoclonali immobilizza gli spermatozoi
Contraccettivo rivoluzionario a base di anticorpi monoclonali immobilizza gli spermatozoi
Coronavirus trovato nello sperma: “Può infiammare i testicoli e ridurre produzione di spermatozoi”
Coronavirus trovato nello sperma: “Può infiammare i testicoli e ridurre produzione di spermatozoi”
Dopo quanto tempo si diventa negativi al coronavirus? Lo rivela uno studio italiano
Dopo quanto tempo si diventa negativi al coronavirus? Lo rivela uno studio italiano
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni