2.970 CONDIVISIONI
Covid 19
20 Marzo 2021
14:38

Gli effetti dei vaccini Covid in Italia: “Contagi in calo tra operatori sanitari e over 80”

Netto segnale nelle categorie vaccinate per prime rispetto alla popolazione in generale che vede invece aumentare il numero di positivi. ISS: “Un’ulteriore diminuzione attesa nelle prossime settimane, quando riguarderà anche ricoveri e decessi”.
A cura di Valeria Aiello
2.970 CONDIVISIONI
Percentuale di operatori sanitari sul totale di casi diagnosticati in Italia per periodo di diagnosi (7 giorni) / Fonte ISS
Percentuale di operatori sanitari sul totale di casi diagnosticati in Italia per periodo di diagnosi (7 giorni) / Fonte ISS
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Dall’inizio della campagna vaccinale anti-Covid, in Italia sono state somministrate 7.366.138 di dosi – di cui 5.063.136 prime dosi e 2.303.002 seconde dosi – su 9.577.500 di dosi consegnate al 18 marzo dai produttori di vaccini Pfizer, Moderna e Astrazeneca. Ancora poche per poter apprezzare la loro protezione sull’andamento complessivo di contagi, ricoveri e decessi, ma che analizzando separatamente le curve epidemiche delle categorie vaccinate per prime, ovvero operatori sanitari, ospiti delle Rsa e over 80, evidenziano un primo segnale del loro effetto. La divergenza tra le diverse curve, iniziata dalla seconda metà di gennaio, indica un trend visibilmente in calo nel numero di contagi rispetto alla popolazione generale che vede invece aumentare i nuovi positivi. L’impatto della vaccinazione sarà maggiormente apprezzabile tra qualche settimana, in risposta al completamento del ciclo di immunizzazione e ai tempi necessari per raggiungere la piena risposta immunitaria.

I dati sugli effetti dei vaccini Covid in Italia

L’ultimo report dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) indica che sono state somministrate 2.825.292 dosi a operatori sanitari e sociosanitari, 1.169.920 dosi personale non sanitario, 2.003.078 dosi a persone di età pari o superiore agli 80 anni e 502.394 a ospiti di strutture residenziali al 18 marzo. Cifre che, esaminando i dati per fascia di età, evidenziano che il gruppo che in proporzione ha ricevuto il numero maggiore di dosi è quello degli over 90, con circa il 49% che ha ricevuto almeno una dose, seguito dalla fascia di età 80-89 anni con circa il 40% che ha ricevuto almeno una dose.

Andamento del numero di casi segnalati nella popolazione di età 60–79 anni (in arancione) e di età pari o superiore agli 80 anni (in blu). La linea tratteggiata indica l’inizio della campagna vaccinale, l’inizio delle somministrazioni della prima e della seconda dose / Fonte Iss
Andamento del numero di casi segnalati nella popolazione di età 60–79 anni (in arancione) e di età pari o superiore agli 80 anni (in blu). La linea tratteggiata indica l’inizio della campagna vaccinale, l’inizio delle somministrazioni della prima e della seconda dose / Fonte Iss

Il confronto del numero di casi di infezione da Sars-Cov-2 con la fascia di età 60-79 evidenzia “un andamento molto simile con gli over 80 fino all’inizio di febbraio, con una piccola inversione di tendenza nell’ultima settimana” osserva l’ISS – . Un’ulteriore diminuzione del numero di casi e della gravità dello stato clinico nella fascia di età pari o superiore agli 80 anni sono attese nelle prossime settimane, in risposta all’aumento della copertura vaccinale”.

Più netta la divergenza tra le curve epidemiche dei casi riportati tra gli operatori sanitari e il resto della popolazione, grazie anche al maggior tempo trascorso dall’inizio della campagna di vaccinazione di questa categoria. Fino alla seconda metà di gennaio, l’andamento di queste due curve è stato molto simile per poi iniziare a scostarsi, “mostrando un trend visibilmente in calo per gli operatori sanitari a fronte di un trend stazionario, con tendenza a un evidente aumento dall’8 febbraio, nella popolazione generale”.

Andamento del numero di casi negli operatori sanitari (giallo) e nel resto della popolazione (nero). La linea tratteggiata nera indica l’inizio della campagna vaccinale, la linea grigia l’inizio della somministrazione della seconda dose.
Andamento del numero di casi negli operatori sanitari (giallo) e nel resto della popolazione (nero). La linea tratteggiata nera indica l’inizio della campagna vaccinale, la linea grigia l’inizio della somministrazione della seconda dose.

Differenze “verosimilmente ascrivibili” alla campagna di vaccinazione in corso, indica l’ISS. “A partire dalla seconda metà di gennaio si osserva un trend in diminuzione del numero di casi negli operatori sanitari e negli over 80, sebbene l’analisi sia puramente descrittiva e questa ipotesi debba essere confermata con valutazioni più approfondite”.

2.970 CONDIVISIONI
28154 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni