Gli aromi dolci che aggiungiamo alle sigarette elettroniche reagiscono con il liquito e creano nuovi composti che possono portare ad irritazioni e infiammazioni quando inaliamo. Questo è ciò che sostengono i ricercatori del Duke University Medical Center che sulla rivista Nicotine & Tobacco Research hanno pubblicato lo studio intitolato “Formation of flavorant–propylene Glycol Adducts With Novel Toxicological Properties in Chemically Unstable E-Cigarette Liquids”. Ma cosa significa?

Aromi pericolosi. Le sigarette elettroniche ancora oggi sono molto studiate dai ricercatori che cercano di comprenderne il reale livello di pericolosità, anche paragonandole alla sigaretta tradizionale. Gli scienziati del Duke University Medical Center si sono chiesti quali potessero essere le conseguenze per la salute degli aromi dolci che utilizziamo per dare sapore a questi dispositivi e dai test effettuati risulterebbe che la loro aggiunga, combinandosi al liquido già presente, porta alla formazione di agenti chimici complessi che inalati restano a lungo nel nostro corpo attivando una reazione che li rende irritanti. E non solo. Alla lunga questa irritazione potrebbe portare ad una risposta infiammatoria.

Aldeidi nelle sigarette elettroniche. Dagli studi effettuati, gli esperti hanno scoperto che gli aromi provocano la formazione di un composto chiamato acetato che entra quindi nel nostro corpo. Questi additivi sono molto utilizzati nel cibo e nei cosmetici nella loro forma chiamata aldeide che può provocare irritazioni quando viene inalata, in particolare per quanto riguarda quella che si forma nelle sigarette elettroniche e che può scatenare infiammazioni soprattutto nelle persone che soffrono di asma, così come in chi le fuma.

Conclusioni. Saranno necessari ulteriori studi per comprendere l'effettiva influenza di queste sostanze sul nostro stato di salute, i ricercatori in ogni caso sottolineano che negli adolescenti che fanno uso di sigarette elettroniche sono in crescita i casi di irritazione, allergie e asma.