Come prevenire le palle di pelo nel gatto
in foto: Come prevenire le palle di pelo nel gatto

I nostri amici gatti spesso vengono scelti per la bellezza del loro manto, ma non sempre i proprietari sono consapevoli della cura di cui necessitino per permette al loro peloso di vivere una vita in piena salute. Leccandosi, infatti, i gatti possono ingerire molto pelo che a volte non riescono a digerire: per questo si formano le cosiddette “palle di pelo” che possono provocare blocchi intestinali, stipsi o gastrite.

Grooming e salute

Quando scegliete il gatto giusto per voi, tra le caratteristiche delle quali dovete tenero conto non può mancare quella del manto. Se non avete voglia di spazzolarlo una volta al giorno, una volta alla settimana e neanche una volta al mese, allora dovreste evitare i gatti a pelo lungo. Il grooming (prenderci cura della pulizia e dell'igiene personale del nostro gatto) aiuta il nostro Micio a limitare la quantità di pelo ingerita e quindi ridurre le possibilità di blocchi intestinali, gastrite o stipsi provocati dalle famose “palle di pelo”, che sono proprio l'accumulo di peli nello stomaco che il gatto non è riuscito ad espellere con le feci.

Boli di pelo e sintomi

Le palle di pelo possono provocare gastrite, stipsi e blocchi intestinali
in foto: Le palle di pelo possono provocare gastrite, stipsi e blocchi intestinali

Tutto questo pelo non digerito può essere dunque molto pericoloso per il nostro gatto che lo rigurgita sotto forma di ammasso di peli, unito a bile o resti di pappa. Non preoccupatevi, può capitare. Diverso è invece se per giorni il vostro gatto tossisce, perde appetito e tenta di vomitare senza riuscirci: in quel caso la scelta migliore che potete fare è quella di portarlo dal veterinario. Lo stesso vale nel caso in cui il gatto vomiti frequentemente boli di pelo.

La lingua del gatto

La lingua del gatto funziona come un pettine
in foto: La lingua del gatto funziona come un pettine

Come mai il gatto accumula tanto pelo nello stomaco? Responsabile dei boli di pelo è la lingua di Micio che è dotata di migliaia di papille filiformi, curve come uncini verso la gola, che agiscono come vere e proprie spazzole quando il gatto si lecca per pulirsi. I peli rimangono dunque “impigliati” nella lingua e finiscono nello stomaco del gatto. Qui tendenzialmente vengono digeriti senza problemi, altrimenti si formano appunto i boli di pelo.