L'indagine Istat “Aspetti della vita quotidiana” ci racconta chi siano gli italiani di oggi in materia di fumo, eccesso di peso, consumo di alcol e sedentarietà. L'analisi è importante per comprendere quale sia l'identikit del nostro popolo viste le continue conferme da parte del mondo della scienza della correlazione tra abitudini scorrette e sviluppo di malattie, ad esempio, come spiega lo studio "Alcohol consumption as a cause of cancer", l'abuso di alcol può provocare ben sette forme di cancro.

Fumo

Sono circa 10 milioni e 300 mila i fumatori in Italia oltre i 14 anni di età, un campione che rappresenta circa il 19,6% della popolazione. Sostengono invece di aver fumato in passato il 22,8% degli italiani, mentre non hanno mai avuto il vizio il 56,3% di loro. Quanto al genere, le italiane fumatrici sono il 15%, gli italiani il 24,6%. Parlando invece di età, la quota maggiore di fumatori si ha per gli uomini nella fascia di età 25-34 anni, quindi il 33%, e per le donne tra i 55 e i 59 anni, il 20,8%.

Eccesso di peso

I dati parlano chiaro, la situazione italiana è peggiorata dal 2001 ad oggi, ben il 45,1% degli italiani pesa più di quanto dovrebbe: il 35,3% è in sovrappeso mentre il 9,8 è proprio obeso. Sono normopeso il 51,8% degli italiani mentre il 3% sono sottopeso. Tra bambini e adolescenti, l'eccesso di peso tocca il 24,9%, con una maggioranza tra i maschi.

Consumo di alcol

A sorpresa, il consumo quotidiano di bevande alcoliche, tra il 2003 e il 2015, è sceso dal 31,1% al 22%, mentre è cresciuto quello occasionale, da 37,7% a 42,3% così come quello di coloro che bevono fuori pasto, da 24,8% a 27,9%.

Attività fisica

Lo sport non sembra essere il chiodo fisso degli italiani. Dichiarano infatti di non praticare attività fisica ben 23 milioni e 524 mila persone, il 39,9% della popolazione. Di questi, il 44% sono donne mentre il 35,1% sono uomini.

L'indagine Istat sottolinea un dato importante: ad influenzare il comportamento sono le abitudini dei genitori, così come la sedentarietà e l'eccesso di peso sono associati tra loro quanto lo sono il consumo di alcol e il vizio del fumo.