28 Dicembre 2018
14:38

Epatite C, ottimi risultati per curare la malattia con nuovi farmaci: un successo italiano

L’Azienda ospedaliero-universitaria Senese fa sapere che dal 2015 ad oggi è stato possibile curare i malati di epatite C grazie all’impiego di nuovi farmaci efficaci che stanno dando ottimi risultati: riescono non sono a far guarire i pazienti, ma ad eradicare il virus. L’obiettivo dei medici è quello di debellare il virus dalla Toscana entro il 2020. Ecco cosa c’è da sapere.
A cura di Zeina Ayache

In Italia, per la prima volta, sono stati sperimentati nuovi farmaci contro l’epatite C che hanno portato ad ottimi risultati, tra il 2015 e il 2018 sono aumentati del 76% i pazienti trattati. Questo grande traguardo è stato raggiunto dal policlinico Santa Maria alle Scotte per la cura dell’Epatite C e, come spiega il direttore generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese, Valtere Giovannini, “i nuovi farmaci per l’Epatite C sono uno dei maggiori traguardi della medicina di oggi ed essere stati i primi in Italia, grazie alla Regione Toscana, a renderli disponibili a tutti i cittadini portatori del virus è stato un trionfo della ragione e dell’umanità, un grande risultato della sanità pubblica”. Vediamo cosa c’è da sapere su questi farmaci.

L’epatite C. Quando parliamo di epatite C ci riferiamo ad un’infezione del fegato che è causata da un virus che si può trasmettere tramite il sangue, i rapporti sessuali o il contagio perinatale tra madre e figlio durante la gravidanza (con un’incubazione che varia da due settimane a sei mesi). La malattia – spiega il professor Andrea De Luca, direttore dell’UOC Malattie Infettive e Tropicali dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese – guarisce spontaneamente solo nel 20% dei casi. Il restante 80% purtroppo sviluppa un'infezione di tipo cronico che può avere gravi complicanze tra cui la cirrosi epatica e il tumore al fegato e favorire diverse altre malattie extraepatiche. È quindi molto importante individuare i casi sommersi e curarla tempestivamente”.

I nuovi farmaci. I nuovi farmaci hanno il vantaggio di essere molto ben tollerati dai pazienti e quindi possono essere assunti da tutti, agendo contro il virus, bloccandone il processo di replicazione ed eradicandolo completamente nel 97-98% dei casi. L’eradicazione del virus è fondamentale per contrastare la malattia poiché impedisce di raggiungerne la fase più avanzata, le cui conseguenze sono le complicanze sopra descritte.

I vantaggi dell’eradicazione. L’eradicazione del virus non è solo fondamentale e vantaggiosa per il paziente, ma in generale tutta la popolazione poiché, grazie a questi nuovi farmaci, potremo evitarne la trasmissione, e questo rappresenta uno straordinario risultato per la sanità pubblica.

Obiettivi futuri. Dal 2015 il farmaco è disponibile per tutti i pazienti malati di epatite C e l’obiettivo regionale è quello di eliminare il virus nella popolazione toscana nel corso del triennio 2018-2020, per riuscirci è dunque necessario che chi ne ha bisogno faccia richiesta per ottenere il trattamento curativo. A questo proposito, gli esperti ci fanno sapere che per prenotazioni con infezioni da Epatite C è possibile telefonare ai numeri 0577/586346 dal lunedì al venerdì (esclusi festivi e prefestivi) dalle ore 11 alle 13, oppure scrivere una mail a malinf1@ao-siena.toscana.it.

Malattie rare, le nuove terapie per curare l'emofilia
Malattie rare, le nuove terapie per curare l'emofilia
274 di Peppe Pace
Scoperti 160 nuovi potenziali farmaci contro la COVID: quali sono i più efficaci
Scoperti 160 nuovi potenziali farmaci contro la COVID: quali sono i più efficaci
Cancro al seno, italiani colpiscono il motore della malattia con una nuova arma
Cancro al seno, italiani colpiscono il motore della malattia con una nuova arma
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni