I vegetariani non possono mangiare i fichi
in foto: I vegetariani non possono mangiare i fichi

La natura ha il suo preciso equilibrio fatto di compensazioni e convivenza, come dimostra la simbiosi tra alcuni insetti e piante. Tra queste compare la stretta relazione che unisce il fico e la vespa Blastophaga psenes. Questo insetto, responsabile dell'impollinazione del Ficus, è caratterizzato da dismorfismo sessuale che implica femmine con ali e maschi senza. Sono proprio questi ultimi che, grazie al loro robusto apparato boccale, scavano fori per uscire dalle galle contenute nel caprifico per raggiungere le femmine da fecondare. L'assenza di ali non permette però loro di abbandonare il frutto, nel quale sono destinati a morire.

Ovviamente non restano tracce visive di questo insetto. I vegetariani dunque, consapevoli della fine preannunciata per la vespa, non dovrebbero nutrirsi del fico, onde evitare di cibarsi di un essere vivente o comunque di promuovere lo sfruttamento della loro vita, un po' come accade per le api.

Secondo uno studio pubblicato su Biology Letters e intitolato “Ancient fig wasps indicate at least 34 Myr of stasis in their mutualism with fig trees” (Le antiche vespe del fico indicano una stasi nel mutualismo con l'albero di fico che dura da 34 milioni di anni), quella tra il fico e la vespa è una simbiosi che dura da 34 milioni di anni e sono circa 800 le specie di fico che vengono impollinate dal loro insetto di fiducia: questo infatti varia a seconda della specie. La loro sarebbe proprio una vita basata sull'interdipendenza: se le vespe impollinano le piante, permettendone la proliferazione, queste forniscono il nutrimento e l'ambiente adatto alla crescita delle larve.

Non dobbiamo sorprenderci dalla presenza della vespa nel fico, molti altri sono i prodotti che contengono insetti, come spiega il Dipartimento di entolomogia della NC State University:
Ketchup: 30 uova di insetto ogni 100 grammi
Mais in scatola: 2 larve di insetto ogni 100 grammi
Mirtilli:2 vermi ogni 100 bacche
Burro di arachidi: 50 frammenti di insetti ogni 100 grammi
Polvere di Curry: 100 frammenti di insetti ogni 100 grammi
Semi di sesamo: 5% di semi infestati
Caffè: 10% di chicchi infestasti

[Foto copertina di Isabella Caliandro]