Da oggi è ancora più difficile memorizzare tutti gli elementi della tavola periodica. Lo IUPAC (Union of Pure and Applied Chemistry) ha infatti annunciato la scoperta di 4 nuovi elementi, 113, 115, 117 e 118, che vanno così a completare la settima riga della tavola periodica. Ad ogni elemento è già stato assegnato un nome che però non è ancora considerato definitivo, come fa sapere la stessa IUPAC, i ricercatori giapponesi, russi e statunitensi sono invitati a suggerire sia il nome che il simbolo da attribuire, per ora sappiamo che:

  • all'elemento 113 è stato assegnato il nome Ununtrium e il simbolo Uut
  • all'elemento 115 è stato assegnato il nome Ununpentium e il simbolo Uup
  • all'elemento 117 è stato assegnato il nome Ununseptium e il simbolo Uus
  • all'elemento 118 è stato assegnato il nome Ununoctium e il simbolo Uuo
Tavola periodica degli elementi
in foto: Tavola periodica degli elementi

[Foto di Wikipedia]

Per il 113, si aspettano i suggerimenti dei ricercatori giapponesi del RIKEN, per il 115 e il 117 il compito spetta agli scienziati del Joint Institute for Nuclear Research a Dubna, Russia, del Lawrence Livermore National Laboratory, in California e all'Oak Ridge National Laboratory del Tennessee. I ricercatori del Joint Institute for Nuclear Research a Dubna, Russia e del Lawrence Livermore National Laboratory, in California, dovranno invece accordarsi per il 118.

L'elemento 113 è il primo elemento della tavola periodica scoperto in Asia ed è il frutto di una ricerca iniziata dal RIKEN nel settembre del 2003 quando gli scienziati provarono a bombardare un sottile strato di bismuto con ioni di zinco a circa il 10% della velocità della luce.

Tutti e 4 gli elementi non si trovano in natura, ma sono artificiali quindi possono essere prodotti solo in laboratorio. In attesa che i nomi vengano ufficializzati, le stamperie di tutto il mondo probabilmente stanno già festeggiando visto che tutti i libri di chimica dovranno essere aggiornati e ristampati.