Il Diavolo
in foto: Il Diavolo

Nelle scorse settimane l'arresto della “Regina dell'Avorio”, la 66enne Yang Feng Glan, aveva fatto gioire tutti coloro che ogni giorno si battono per la cura e la protezione degli elefanti perseguitati dai bracconieri per l'avorio delle loro zanne. Oggi arriva un'altra magnifica notizia riguardante l'arresto del secondo della Regina, stiamo parlato di Boniface Matthew Mariango, conosciuto come Il Diavolo o Shetani che, dalla cattura della donna, era diventato il ricercato numero uno e il più grande trafficante di avorio rimasto. In fuga da oltre un anno, anche Il Diavolo è stato bloccato dalla Transnational Serious Crimes Investigation Unit (NTSCIU) Task Force.

Il 45enne è considerato responsabile della morte di centinaia di elefanti e del commercio illegale di avorio tra diversi Paesi dell'Africa dell'Est per questo la sua cattura segna un passo avanti importante nella lotta contro il bracconaggio, come spiega lo stesso Andrea Costa, dell'Elephant Action League, “Questo arresto rappresenta un nuovo step per gli sforzi compiuto contro il bracconaggio e il traffico illegale di avorio e ha implicazioni anche per i paesi confinanti”.

Arrestato ed evaso più volte, Il Diavolo era latitante dal giugno del 2014 e, grazie ad una segnalazione, è stato preso nelle vicinanze di Dar es Salaam, Tanzania. Contro di lui molte sono le prove, è infatti considerato il primo fornitore di armi, munizioni e auto agli stessi bracconieri.

La fine dell'era della Regina dell'Avorio e de Il Diavolo e le nuove politiche “anti avorio” promosse da Barack Obama per gli Stati Uniti d'America e daXi Jinping per la Cina, fanno sapere le autorità locali, permetterà finalmente di preservare gli elefanti. Speriamo che sia davvero la volta buona. Intanto le catture dei due boss del bracconaggio si preparano a diventare un film, intitolato "IVORY", che dovrebbe uscire nel 2016.

[Foto copertina di Terra Mater Factual Studios]