Dormire più di 8 ore a notte non fa bene alla nostra salute come potremmo pensare, ma addirittura incrementa il rischio di morte e problemi cardiovascolari. A sostenerlo è uno studio della Keele University pubblicato sulla rivista American Heart Association e intitolato “Self‐Reported Sleep Duration and Quality and Cardiovascular Disease and Mortality: A Dose‐Response Meta‐Analysis”. Ma come è possibile?

Dormire sì, ma non troppo. I ricercatori della Keele University hanno analizzato i dati raccolti da 74 precedenti studi riguardanti la mortalità e i disturbi cardiovascolari collegati alla durata del sonno e alla qualità e, grazi alle informazioni ottenute, hanno scoperto che: dormire dieci ore porta ad un incremento del rischio di morte per ictus del 56% e del rischio di morte legati a malattie cardiovascolari del 49%. Allo stesso tempo però, dormire troppo poco porta ad un incremento del rischio di coronopatie del 44%. L'ideale, secondo gli esperti, sarebbe dormire tra le sette e le otto ore per notte.

Problemi di sonno. I ricercatori sostengono che la qualità e la durata del sonno influenzino la vita e la salute di ognuno di noi e le teorie circa le ore necessarie variano a seconda del contesto culturale, sociale, psicologico, comportamentale e fisiologico delle persone: tutto ciò ha un impatto sul rischio di sviluppare malattie e problemi fisici e psicologici.

Conclusioni. I ricercatori ci spiegano che l'idea dello studio è nata dalla volontà di comprendere se fosse più dannoso dormire al di sotto o oltre la durata del sonno raccomandata da sette a otto ore. “Volevamo inoltre sapere in che modo la deviazione incrementale dalla durata del sonno raccomandata alterassi il rischio di mortalità e rischio cardiovascolare” spiegano. Dai dati raccolti è dunque emerso che non ci fa bene dormire troppo. Se siamo troppo stanchi il consiglio è dunque quello di cercare di avere un ritmo di vita più regolare che possa portarci a sentire sufficienti 7-8 ore di sonno per notte: sport, alimentazione e riduzione dello stress sono dunque ciò a cui dobbiamo fare attenzione.