Stanchezza, disturbi respiratori e neurologici, con più di un terzo dei pazienti che riporta difficoltà nello svolgere le attività della vita quotidiana per diversi mesi. Sono molte le persone che dopo l’infezione da coronavirus faticano a riprendersi completamente, sia tra chi è stato ricoverato per una forma grave di Covid-19 sia tra coloro che hanno superato un’infezione lieve o moderata. Lo indicano i dati del Covid-19 Activity Rehabilitation Program (CARP) della Mayo Clinic, il programma multidisciplinare istituito negli Stati Uniti per valutare e trattare i pazienti che continuano a manifestare sintomi persistenti dopo l’infezione da coronavirus. Lo studio, pubblicato nel dettaglio sulla rivista Mayo Clinic Proceedings, riporta il quadro clinico dei primi 100 pazienti (età media 45 anni e 68% donne) che hanno ricevuto una diagnosi di “long Covid” tra il 1° giugno e il 31 dicembre 2020, contribuendo a fare luce sui postumi della malattia.

I più comuni sintomi post-Covid

La valutazione è stata effettuata in media dopo tre mesi dall’infezione, evidenziando che la maggioranza dei pazienti (80%) ha riportato sintomi di affaticamento e stanchezza insolita. Più della metà (59%) ha inoltre manifestato problemi respiratori e disturbi neurologici, come le alterazioni dell’umore. Oltre un terzo (34%) ha riferito difficoltà nello svolgere le normali attività della vita quotidiana. “Solo un paziente su tre – indica lo studio – è tornato a svolgere l’attività lavorativa senza limitazioni”.

A colpire, è la percentuale di persone che non era stata ricoverata per Covid-19 (75%). Inoltre, solo il 23% dei pazienti soffriva di condizioni preesistenti, inclusi i problemi respiratori o problemi di salute mentale. “La maggior parte dei pazienti nello studio non aveva comorbidità preesistenti prima dell’infezione da coronavirus e molti non hanno manifestato sintomi correlati a Covid-19 che erano abbastanza gravi da richiedere il ricovero in ospedale – ha precisato Greg Vanichkachorn, direttore medico del CARP e primo autore dello studio – . La maggior parte dei pazienti aveva risultati di laboratorio e imaging normali o non diagnostici, nonostante presentasse sintomi debilitanti. Questa è una delle sfide della diagnosi tempestiva della sindrome da long Covid e quindi di una risposta efficace”.

La maggioranza pazienti con cui abbiamo lavorato – ha aggiunto Vanichkachorn – ha richiesto terapia fisica, riabilitazione fisica o  cerebrale per affrontare il deterioramento cognitivo percepito. Anche se un’alta percentuale soffriva di affaticamento, più della metà ha anche riportato sintomi di stanchezza cognitiva, comunemente noti come “nebbia cerebrale”. E in molti non hanno potuto riprendere la loro normale vita lavorativa per diversi mesi”.