27 Marzo 2018
13:24

Dall’orso polare al leopardo delle nevi: come moriranno gli animali per colpa dell’inquinamento

https://youmedia.fanpage.it/video/ag/WdziduSwmJDnyukg Le emissioni di CO2 nell’aria rappresentano una concreta minaccia per le specie animali che vivono sul nostro Pianeta, l’inquinamento di cui siamo responsabili infatti, e…
A cura di Zeina Ayache

Le emissioni di CO2 nell'aria rappresentano una concreta minaccia per le specie animali che vivono sul nostro Pianeta, l'inquinamento di cui siamo responsabili infatti, e la cui conseguenza sono i cambiamenti climatici, sta modificando gli habitat di questi individui rendendo difficile la loro sopravvivenza. Il WWF ci mostra quelle che potrebbero essere le conseguenze di un aumento delle temperature medie globali fino 4.5° C, quindi nel caso in cui non dovessimo rispettare i 2 °C, il limite indicato dall’Accordo di Parigi.

Aumento delle temperature fino a 4.5° C. Il WWF ci spiega che nel caso di un aumento eccessivo delle temperature, le aree più colpite sarebbero le savane boschive, l'Australia sudoccidentale e la Guyana amazzonica e:

  • fino al 90% degli anfibi, l’86% degli uccelli e l'80% dei mammiferi rischiano di estinguersi localmente nelle foreste a Miombo, in Africa meridionale
  • l’Amazzonia potrebbe perdere il 69% delle sue specie vegetali
  • nell’Australia sudoccidentale l'89% degli anfibi potrebbe estinguersi localmente
  • nel Madagascar il 60% di tutte le specie sarebbe a rischio di estinzione locale
  • le boscaglie del fynbos nella regione del Capo Occidentale in Sud Africa potrebbero affrontare estinzioni locali di un terzo delle specie presenti, molte delle quali sono uniche di quella regione

Animali ‘bolliti' nel Mediterraneo. A rischio è anche il nostro amato Mediterraneo. Trattandosi di un luogo ricco di biodiversità particolarmente esposto ai cambiamenti climatici, anche se l'aumento delle temperature dovesse limitarsi a 2°C, quasi il 30% della maggior parte dei gruppi di specie analizzate di piante ed animali sarebbe a rischio. Tra le specie più in difficoltà avremmo le tartarughe marine e i cetacei.

Dall'orso polare al leopardo delle nevi. Le tre specie che oggi sono il simbolo della situazione attuale del nostro pianeta sono:

  • leopardo delle nevi, che ha bisogno di territori estremi come le alte vette humalayane, territori oggi svuotati di prece e sempre più ristretti
  • tigre, l'innalzamento del livello del mare porterà alla distruzione del 96% dell'habitat riproduttivo delle tigri di Sundarbans (la più grande foresta di mangrovie del mondo), mentre le tigri dell'Amur non arriveranno al prossimo secolo se continueranno a ridursi dimensioni e qualità del loro habitat
  • orso polare, lo scioglimento dei ghiacciai sta riducendo ai minimi le possibilità di trovare prede per questi animali destinati a morire di fame
È morto Inuka, l'unico orso polare nato ai tropici: non ha mai vissuto la libertà
È morto Inuka, l'unico orso polare nato ai tropici: non ha mai vissuto la libertà
Gli orsi polari stanno morendo di fame più in fretta del previsto ed è solo colpa nostra
Gli orsi polari stanno morendo di fame più in fretta del previsto ed è solo colpa nostra
Quando il pinguino reale morirà di fame per colpa nostra
Quando il pinguino reale morirà di fame per colpa nostra
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni