14 Ottobre 2021
10:03

Cresce la preoccupazione per la febbre da topo, casi in forte aumento al confine con l’Italia

Finora segnalati 562 casi e 240 ricoveri in Slovenia, dove le autorità sanitarie temono per la diffusione della malattia trasmessa dai roditori. L’infezione virale ha provocato anche un decesso. Il maggior numero di casi a Nova Gorica.
A cura di Valeria Aiello

Un morto, 240 ricoveri e quasi 600 casi da inizio anno, molti di più del 2020, quando le segnalazioni erano state 14. Sono questi i numeri dell’Istituto nazionale per la salute pubblica (NIJZ) della Slovenia, che chiede di tenere alta l’attenzione sull’aumento di casi della cosiddetta febbre da topo, un’infezione causata da virus appartenenti alla famiglia degli Hantavirus. L’Istituto aveva pubblicamente avvertito, nell’aprile di quest’anno, che il numero dei casi di infezione superava di gran lunga quello degli anni scorsi. Il problema si era già presentato nel 2002, nel 2012 e 2019, ed probabilmente è legato alla periodica elevata intensità riproduttiva dei topi.

Casi in forte aumento in Slovenia

Secondo i dati del NIJZ la maggior parte dei nuovi casi di febbre da topo (253 su 562) è stata registrata nel goriziano, e il comune con il maggior numero di infezioni è Nova Gorica, dove finora sono stati segnalati 77 casi. Il virus che causa la malattia virale è trasmesso all’uomo dai roditori, attraverso il contatto con topi infetti o con i loro escrementi. Il virus è presente nell’urina e nelle feci dei roditori e l’infezione può essere eventualmente contratta inalando particelle virali in luoghi in cui sono presenti grandi quantità di escrementi di roditori. Alcune prove indicano che raramente il virus trasmette da persona a persona.

La ragione dell’aumento dei casi, indica il NIJZ, è l’abbondanza dei faggi lo scorso autunno. “Di conseguenza, erano disponibili molte ghiande, il che significa che c’era almeno teoricamente cibo sufficiente per i roditori. Se c’è abbastanza cibo disponibile, anche gli animali si moltiplicano più velocemente, e anche l’estate calda e l’inizio dell’autunno possono contribuire a questo” .

Cos'è la febbre da topo

Esistono vari ceppi di Hantavirus e, a seconda del ceppo, il virus può colpire i polmoni, causando la sindrome polmonare da hantavirus, oppure i reni, provocando una febbre emorragica con sindrome renale. I segni e i sintomi iniziali della febbre da topo che causa sindrome polmonare sono spesso indistinguibili dalla malattia da coronavirus (Covid-19). Tuttavia, questa distinzione è fondamentale, poiché il decorso della malattia differisce notevolmente. Febbre improvvisa, mal di testa e dolori muscolari compaiono generalmente due settimane dopo l’infezione. Le persone con sindrome renale mostrano anche dolore addominale, nausea, vomito o diarrea che possono persistere per diversi giorni.

Nei casi più gravi, si può instaurare un’insufficienza renale e la produzione di urina può interrompersi. Il trattamento prevede cure di supporto, dialisi (che può salvare la vita) e terapia antivirale ribavirina, che può contribuire a ridurre la gravità dei sintomi e la mortalità. La maggior parte delle persone sopravvive all’infezione e si riprende in 3-6 settimane, anche se la guarigione può richiedere fino a sei mesi. Il decesso si verifica nel 6-15% dei casi.

Perché gli incendi sono collegati all’aumento dei casi di Covid
Perché gli incendi sono collegati all’aumento dei casi di Covid
Anche il consumo moderato di alcol aumenta il rischio di cancro: 100mila casi nel 2020
Anche il consumo moderato di alcol aumenta il rischio di cancro: 100mila casi nel 2020
Drammatico aumento di depressione e ansia a causa della pandemia: 130 milioni casi in più nel 2020
Drammatico aumento di depressione e ansia a causa della pandemia: 130 milioni casi in più nel 2020
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni