1.376 CONDIVISIONI
Covid 19
29 Gennaio 2021
15:50

Covid in gravidanza aumenta la mortalità tra le donne

Lo indica uno studio condotto negli Stati Uniti da un team di ricerca dell’Università di Washington i cui risultati evidenziano che le donne in gravidanza sono esposte a un maggiore rischio di malattia grave e mortalità: “Un errore escluderle dagli studi sul vaccino”.
A cura di Valeria Aiello
1.376 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Escludere le donne in gravidanza dagli studi sul vaccino è stato un errore”. A segnalare l’importante limite nelle sperimentazioni dei primi vaccini anti-Covid è la ginecologa Kristina Adams Waldorf, docente presso la School of Medicine dell’Università di Washington e autrice senior di un nuovo studio che ha messo in evidenza una grave sottostima nei dati epidemiologici per Covid-19 nelle donne in gravidanza negli Stati Uniti.

L’analisi, pubblicata sull’American Journal Obstetrics Gynecology, ha rilevato che l’infezione da coronavirus Sars-Cov-2 in gravidanza è associata a un tasso di ospedalizzazione 3,5 volte più alto quando confrontato con quello della popolazione generale di età simile nello Stato di Washington. Dallo stesso confronto, emerge inoltre che i tassi di mortalità per Covid-19 sono risultati fino a 13 volte superiori, indicando che le pazienti in gravidanza sono esposte non solo a un rischio maggiore di sviluppare una forma grave o critica di Covid-19 ma che la mortalità è significativamente più elevata rispetto a quella registrata nelle persone adulte che non sono in stato interessante.

Lo studio è stato condotto su 240 donne in gravidanza con infezione da Sars-Cov-2 diagnosticata tra il 1 marzo e il 30 giugno 2020 in 35 diversi ospedali e strutture sanitarie nello Stato di Washington. Complessivamente, per una donna su 10 si è reso necessario il ricovero in ospedale e una su 80 è deceduta. Le morti nel campione di studio rappresentano il 6,7% di tutti i decessi per Covid-19 tra donne in gravidanza segnalati in tutti gli Stati Uniti fino a metà ottobre, sebbene le nascite annuali presso i siti coinvolti nell’indagine costituiscano solo l’1,4% a livello nazionale.

Siamo seriamente preoccupati che le morti di donne in gravidanza associate a Covid-19 siano state enormemente sottostimate a livello nazionale e che l’impatto della malattia in queste pazienti, in particolare tra le donne condizioni sottostanti, sia maggiore di quanto attualmente sottovalutato – sostiene Adams Waldorf – . I nostri dati indicano che le persone in gravidanza non sono state risparmiate dalla pandemia e che le comunità di colore hanno sopportato il peso maggiore”.

“Escludere queste pazienti dagli studi clinici sul vaccino anti-Covid è stato un errore, perché avrebbero dovuto avere la possibilità di partecipare alla sperimentazione in modo da comprendere meglio i rischi e i benefici del vaccino in questa categoria di pazienti tipicamente vulnerabile alle infezioni” ha aggiunto Adams Waldorf. Sebbene la comunità stia vivendo la fatica da Covid-19, la ginecologa sottolinea che non è il momento di abbassare la guardia, specialmente con le nuove varianti del virus emerse negli ultimi mesi. “Dobbiamo ancora stare molto attenti a quanto è grande la nostra bolla all’interno delle nostre famiglie, stare molto attenti al lavaggio delle mani e all’uso delle maschere e fare tutto il possibile fino a quando la copertura vaccinale sarà sufficiente a raggiungere l’immunità di gregge negli Stati Uniti”.

1.376 CONDIVISIONI
31007 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni