Lo hanno chiamato Ig Nobel (che si pronuncia ‘ignobel') ed è il premio che viene attribuito alle ricerche più assurde e divertenti pubblicate su importati riviste di settore che però offrono interessanti spunti di riflessione: insomma, non si tratta di studi ‘errati', ma di lavori di ricerca che, per quanto originali e creativi, hanno un valore scientifico. L'idea non è dunque quella di screditare gli scienziati, ma solo di approcciarsi alla scienza con ironia, comprendendone però il valore.

Ig Nobel, la nascita dell'ironia nella scienza. Era il 1991 quando per la prima volta sono stati assegnati gli Ig Nobel organizzati dalla rivista Annals of Improbable Research la cui cerimonia di premiazione è co-sponsorizzata dalla Harvard-Radcliffe Society of Physics Students e dalla Harvard-Radcliffe Science Fiction Association. L'idea del premio è nata con l'intenzione di far prima sorridere le persone, per poi portarle a riflettere. “Collezioniamo ricerche improbabili – spiegano gli organizzatori – Ricerche reali riguardanti qualsiasi cosa da ovunque. Ricerche che possono essere buone o cattiva, importanti o no, preziose o insignificanti”.

Perché gli Ig Nobel sono importanti. L'obiettivo, come dicevamo, è quello di far sorridere e poi pensare. Gli organizzatori sperano infatti di stimolare la curiosità delle persone attraverso queste ricerche assurde per avvicinarle al mondo della scienza.

Quali sono le categoria premiate. Le categorie sono 10: medicina, antropologia, biologia, chimica, educazione medica, letteratura, nutrizione, pace, medicina riproduttiva ed economia.

È possibile rifiutare un Ig Nobel. Gli organizzatori spiegano che prima di pubblicare ufficialmente i nomi dei vincitori, questi vengono contattati per permettere loro di accettare o declinare il riconoscimento. Fortunatamente, quasi nessuno ha rifiutato il premio.

Chi viene premiato. Chiunque può candidarsi o essere candidato al premio, ogni anno sono circa 900 le ricerche che vengono valutate dallo staff.

Cosa si vince. Assolutamente nulla. Anzi, addirittura i vincitori vengono invitati alla cerimonia a loro spese, questo significa che per ritirare il premio è possibile anche mandare un semplice video di ‘ringraziamenti'.