Credit: KBOutdoors
in foto: Credit: KBOutdoors

L’eclissi totale di Superluna di Sangue dei giorni scorsi ha affascinato tutti noi, c’è però qualcuno che non è convinto delle motivazioni di questo evento: stiamo parlando dei terrapiattisti. Secondo i terrapiattisti infatti ciò a cui abbiamo assistito non sarebbe l’effetto del cono d’ombra della Terra sulla Luna, ma responsabile dell’eclissi sarebbe un altro misterioso oggetto che ‘vola’ nel cielo. Ecco cos’è l’eclissi di Luna secondo i terrapiattisti.

Un oggetto non identificato. “L’eclissi di Luna avviene due volte all’anno quando un satellite del Sole passa tra il Sole e la Luna” questo è quanto si legge sul sito “The Flat Earh Society”. A quanto pare infatti l’eclissi di Luna non sarebbe collegata alla Terra, in quanto piatta (secondo i terrapiattisti ovviamente), ma da un satellite del Sole chiamato “Shadow Object” che non sarebbe visibile ai nostri occhi poiché troppo vicino al Sole stesso. L’eclissi avverrebbe quando il Sole, la Luna e l’Oggetto sono allineati tra loro e, “considerate le orbite dei tre corpi celesti, l’eclissi di Luna avviene un massimo di tre volte all’anno” spiegano.

Perché non vediamo lo Shadow Object. “Non vediamo nel cielo il Shadow Object perché orbita vicino al sole. Mentre i potenti raggi verticali del Sole colpiscono l'atmosfera durante il giorno, spargono e cancelleno quasi ogni singola stella e corpo celeste nel cielo. Non vediamo quindi i corpi celesti che appaiono vicino al sole durante il giorno: poiché sono completamente sbiaditi dalla luce del sole”, questa sarebbe la motivazione per cui non riusciamo a vedere questo oggetto, che sarebbe la vera causa dell’eclissi di Luna. Non ci sarebbero inoltre evidenze scientifiche utili a dimostrare che sia la Terra la responsabile dell’eclissi.

Perché la Luna ci appare rossa nel cielo. Secondo le teorie dei ‘terratondisti’, il colore rosso è dato dal fatto che la luce del Sole attraversa l’atmosfera terrestre e qui subisce una rifrazione differenziale per cui i raggi di colore rosso, che si diffondono meno nell’aria, rendono rossa la Luna ai nostri occhi. Di diverso avviso sono i terrapiattisti secondo i quali la luce rossa del Sole splende dai bordi del Shadow Object, che non è sufficientemente denso e raggiunge così la Luna, “proprio come una torcia che è abbastanza potente da risplendere attraverso una mano quando la appoggiamo sulla luce”.