101 CONDIVISIONI
19 Ottobre 2021
16:59

Cos’è la sottovariante AY.4.2 della Delta, forse più contagiosa dell’originale

Le autorità sanitarie stanno monitorando un nuovo discendente della variante Delta del coronavirus che sta causando un numero crescente di infezioni nel Regno Unito.
A cura di Valeria Aiello
101 CONDIVISIONI
Coronavirus su cellule in coltura. Credit: NIAID
Coronavirus su cellule in coltura. Credit: NIAID

La variante Delta di Sars-Cov-2 è il ceppo dominante nel Regno Unito, ma gli ultimi dati ufficiali indicano che una nuova sottovariante di Delta, denominata AY.4.2 sta causando un crescente numero di infezioni. La variante, che fa parte delle mutazioni “Delta plus”, è stata rilevata nel 6% dei casi sequenziati, e potrebbe avere un vantaggio in termini di contagiosità rispetto ad altre varianti virali. I test per comprendere quale minaccia possa rappresentare sono attualmente in corso, ma gli esperti considerano improbabile che questo ceppo diventi dominante o sfugga alla protezione degli attuali vaccini.

La variante, che non è ancora considerata una variante di preoccupazione (VOC, Variant of concern) né una variante sotto indagine (VOI, Variant under investigation), è stata identificata per la prima volta nel luglio 2021, caratterizzata da due mutazioni a livello della proteina Spike, A222V e Y145H, che potrebbero influire sull’affinità di legame al recettore ACE2 che il virus utilizza per entrare nelle cellule.

In questa fase, gli esperti non ritengono comunque che la sottovariante AY.4.2 possa prendere piede, anche se sospettano sia un “ceppo leggermente più infettivo” della variante Delta originaria. Secondo il professor Francois Balloux direttore del Genetics Institute dell’University College di Londra “non è niente in confronto a quello che abbiamo visto con Alpha e Delta, che erano qualcosa come i 50-60% più contagiose del ceppo originario. Qui stiamo parlando d qualcosa di più contenuto, e che attualmente è in fase di indagine – . ha spiegato alla BBC – . È probabile che sia fino al 10 percento in più trasmissibile”.

Ad ogni modo, prima di trarre conclusioni, bisognerà attendere i risultati delle indagini sui cambiamenti genetici del virus e la loro capacità di conferire un vantaggio al patogeno. Alcuni casi di Covid legati a AY.4.2 sono stati identificati anche negli Stati Uniti e in Danimarca, ma da allora le infezioni da questa sottovariante segnalate nel paese scandinavo sono diminuite. “È qualcosa che stiamo tenendo d'occhio molto da vicino – ha affermato un portavoce del Primo ministro britannico – . Come ci si aspetterebbe, stiamo monitorando la situazione da vicino e non esiteremo ad agire se necessario”.

101 CONDIVISIONI
Cosa sappiamo sulla sottovariante Delta AY.4.2 del coronavirus
Cosa sappiamo sulla sottovariante Delta AY.4.2 del coronavirus
Cos’è la sottovariante AY.33 di Delta che può sfuggire a test rapidi e tamponi Covid
Cos’è la sottovariante AY.33 di Delta che può sfuggire a test rapidi e tamponi Covid
Pregliasco: "Abbandonare le restrizioni come in UK fa nascere sottovarianti pericolose"
Pregliasco: "Abbandonare le restrizioni come in UK fa nascere sottovarianti pericolose"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni