3 Dicembre 2021
19:12

Cos’è la koumpounofobia, l’incontrollabile paura dei bottoni e come riconoscerla

Si tratta della paura irrazionale ma persistente per i bottoni, inclusi quelli che si trovano sui vestiti. Ecco quali sono i sintomi e come riconoscere i segni di questa fobia.
A cura di Valeria Aiello

La paura per i bottoni, dal greco la koumpounophobia, è la fobia irrazionale ma persistente per i bottoni, compresi i bottoni sugli abiti e su ogni altra cosa, per cui le persone che ne soffrono provano un forte disagio quando esposte visivamente e fisicamente ai bottoni. Anche le immagini e le rappresentazioni di bottoni possono scatenare questo fastidio, che se intenso può causare manifestazioni cliniche. La koumpounofobia, spiegano gli esperti di Budding Psychologists, è strettamente associata alla paura patologica di qualsiasi oggetto rotondo o circolare in generale, o alla paura dei buchi (tripofobia). Come altre fobie, anche l’esperienza della koumpounofobia differisce da persona a persona.

La paura dei bottoni

Alcune persone provano un forte disgusto per i bottoni piuttosto che un sentimento di paura. Le teorie passate hanno dimostrato che il disgusto e la paura sono sentimenti fortemente collegati e questo loro legame si riflette nell’atteggiamento verso l’oggetto. La sensazione alla base è quella di stare lontano dall’oggetto, una risposta che sviluppa ansia anticipatoria che non permette di essere in grado di resistere al pensiero o alla sensazione dell’oggetto stesso, come i bottoni in questo caso.

Alcune persone hanno paura solo dei bottoni vecchi e sporchi. In questo caso, la principale componente di paura della koumpounofobia dipende dalla caratteristica sottostante della pulizia, per cui si potrebbe parlare di misofobia, cioè paura di germi, come paura dei bottoni e altre cose sporche. È possibile che le persone disgustate dai bottoni sporchi siano anche disgustate da altri oggetti impuri.

Altre persone temono i bottoni perché hanno paura di poterli ingoiare o inalare accidentalmente. Questo è per lo più comune nei bambini, poiché incidenti come inghiottire i bottoni inconsapevolmente o avere un bottone bloccato nel naso si verificano più comunemente nei bambini rispetto agli adulti.

Cause della koumpounofobia

Esperienze passate traumatiche o negative che coinvolgono i bottoni. Anche l’abuso o l’abbandono dell'infanzia da parte di qualcuno che indossa abiti con bottoni può innescare la koumpounofobia. Paura di oggetti piccoli o rotondi che si generalizzano in altri oggetti della stessa dimensione e forma, o si trasformano in paura dei bottoni.

Sintomi della koumpounofobia

Sensazione di nausea o nausea quando esposti ai bottoni. Ansia o attacchi di panico quando si devono toccare accidentalmente dei bottoni. Evitare eventi come riunioni formali, balli, ecc. in cui le persone indossano camicie o giacche con bottoni.

Lo shopping può essere un'esperienza terribile, poiché essere esposti a vestiti con bottoni può innescare la fobia. Prediligendo forme diverse dal cerchio per sequenze o disegni sui propri vestiti. In alcuni casi, si osserva un lavaggio frequente delle mani a causa dell'incontro con bottoni, specialmente se toccati accidentalmente

Trattamento

Le terapie sono utilizzate e preferite più dei farmaci per il trattamento della koumpounofobia.

Alcune delle più utilizzate, che mostrano un miglioramento significativo, sono la terapia comportamentale e la terapia cognitivo-comportamentale, la terapia di esposizione alla realtà virtuale e la psicoanalisi.

Ragno violino in Italia: ecco come riconoscerlo, dove vive e quali sono i rischi dopo il morso
Ragno violino in Italia: ecco come riconoscerlo, dove vive e quali sono i rischi dopo il morso
10 di Videonews
Segnale radio misterioso in arrivo dal centro della galassia e non sappiamo cos’è
Segnale radio misterioso in arrivo dal centro della galassia e non sappiamo cos’è
388 di Videonews
Cos’è la diplopia diagnosticata al pilota MotoGP Marc Marquez
Cos’è la diplopia diagnosticata al pilota MotoGP Marc Marquez
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni