Utilizzare le dita per contare aiuta i bambini ad essere più bravi in matematica. A darci questa notizia sono i ricercatori della Sheffield Hallam University che su Frontiers in Education hanno pubblicato lo studio intitolato “Mathematics at Your Fingertips: Testing a Finger Training Intervention to Improve Quantitative Skills” all'interno del quale ci mostrano come a differenti metodi per contare corrispondano abilità matematiche diverse.

Usare le dita. Quante volte alle elementari, e non solo, ad un quesito di matematica avere risposto contando con l'utilizzo delle dita? Secondo i ricercatori questo metodo così semplice è anche il più efficace. Per scoprirlo, gli scienziati hanno coinvolto 137 bambini tra i sei e i sette anni e hanno chiesto loro di giocare ad alcuni giochi che implicavano la conta e i numeri. Ad un primo gruppo è stato chiesto di giocare sfruttando i simboli con domino, al gioco Shut the Box (Gioco del 45), che consiste nel lancio di dadi allo scopo di abbassare le tessere che ci sono nella scatola, e al gioco ‘Scale e serpenti', una specie di gioco dell'oca. Ad un altro gruppo di bambini invece è stato chiesto di giocare utilizzando le dita, mentre un terzo gruppo ha seguito le ‘solite' istruzioni dei maestri.

I risultati. Dai dati raccolti è emerso che gli studenti dei primi due gruppi hanno ottenuto risultati migliori in alcuni test di matematica rispetto a quelli del terzo gruppo. Tra tutti però, il gruppo composto dai bambini ai quali era stato chiesto di utilizzare solo le dita è stato quello che ha raggiunto il risultato più alto, differenziandosi molto dagli altri.

Conclusioni. Lo studio dimostra che utilizzare le dita per i bambini è importante durante le prime fasi dell'apprendimento della matematica e agisce da ‘ponte' tra le diverse rappresentazioni che abbiamo dei numeri, che possono essere verbali, scritte o simboliche.

[Foto copertina di jackmac34]