Le misure di distanziamento sociale adottate per contrastare la diffusione del coronavirus hanno ridotto e, in alcuni casi quasi azzerato, l'incidenza di altre malattie infettive nei bambini. Lo evidenzia lo studio “Social Distancing for COVID-19 and Diagnoses of Other Infectious Diseases in Children” pubblicato su Pediatrics, la rivista medica peer-review dell'American Academy of Pediatrics (AAP).

Con misure anti-Covid-19, quasi azzerati i casi di influenza nei bambini

I ricercatori hanno preso in esame le cartelle cliniche elettroniche di una vasta rete di assistenza pediatrica del Massachuttes (circa 375mila bambini) per determinare l'incidenza settimanale di 12 patologie – otite media, bronchiolite, raffreddore, laringotracheobronchite, gastroenterite, influenza, faringite streptococcica e non streptococcica, polmonite, sinusite, infezioni della pelle e infezioni del tratto urinario – nei primi mesi del 2020. Tali frequenze sono state confrontate con quelle registrate nello stesso periodo del 2019 e l'analisi ha indicato che i tassi di diagnosi registrati nel 2020 sono stati significativamente inferiori rispetto a quelli dello scorso anno, suggerendo il notevole impatto delle misure di distanziamento sociale sulla diffusione delle infezioni tra i bambini.

In particolare, le differenze più rilevanti sono state osservate nei casi di influenza (-99,5%), praticamente azzerati. “Il maggiore declino – ha spiegato Jonathan Hatoun, pediatra del Boston Children's Hospital e autore principale dello studio – è stato osservato per le infezioni respiratorie, specialmente nei casi di influenza che con le misure di distanziamento sociale sono improvvisamente scomparsi ”. Importanti diminuzioni sono state registrate anche per quanto riguarda i casi di laringotracheobronchite (96,5%) e di bronchiolite (92,9%). Il calo minore è stato invece registrato per le infezioni della pelle e delle vie urinarie (35%) “il che non sorprende in quanto non sono considerate malattie infettive trasmissibili come l'influenza” ha agguinto Hatoun.

L'impatto dell'allontanamento sociale sulla diffusione delle infezioni tra i bambini è impressionante – ha commentato Louis Bell, pediatra della School of Medicine non coinvolto nello studio – . L'uomo è un essere sociale, per cui quando le scuole riapriranno, a seconda dei casi di Covid-19 nelle comunità locali, le infezioni torneranno a circolare. Tuttavia, poiché inevitabilmente entreremo in una'era post pandemica, dovremo ricorcare l'impatto positivo di comportamenti adottati durante la pandemia, come l'importanza dell'igiene delle mani e del restare a casa al primo segno di infezione, così come l'importanza delle vaccinazioni nel ridurre la diffusione delle infezioni nell'età pediatrica”.