Siete stressati e ansiosi? Dalla scienza, o meglio ancora, dalla natura stessa, potrebbe arrivare la soluzione. Secondo gli scienziati della Johns Hopkins University School of Medicine, i funghi allucinogeni riuscirebbero, anche in una singola dose, a ridurre i sintomi negativi di stress e ansia nei pazienti malati di cancro. Lo studio, pubblicato in occasione dell'incontro annuale American College of Neuropsychopharmacology, è partito dalla consapevolezza che i pazienti malati di cancro tendono, per motivi ancora da chiarire, a sviluppare proprio questi stati psichici alleviati grazie a queste sostanze, come dimostrato da ricerche effettuati tra gli anni '60 e '70 con l'utilizzo di LSD.

Lo studio della John Hopkins si è concentrato sulla psilocibina presente appunto in alcuni funghetti psichedelici e che ha una struttura simile a quella della serotonina, un neutrotrasmettitore che svolge un ruolo fondamentale nella regolazione del nostro umore, così come del sonno e, il cui deficit provoca stati d'ansia e depressione.

Per giungere alle loro conclusioni, gli scienziati hanno chiesto la collaborazione di 51 pazienti malati di cancro che mostravano chiari sintomi di ansia e depressione, suddivisi in due gruppi, al primo è stata somministrata una dose bassa di psilocibina (1 o 3 mg/70 kg), al secondo una dose medio/alta (22 o 30 mg/70kg). Il test è durato 5 settimane e i soggetti sono stati seguiti sia durante il periodo di sperimentazione che 6 mesi dopo la fine dell'esperimento.

I dati raccolti hanno mostrato che, sia dopo le 5 settimane di test che dopo 6 mesi, nei pazienti ai quali era stata somministrata la dose maggiore gli stati psichici erano notevolmente diminuiti, diversamente da quanto misurato per gli altri pazienti che avevano ricevuto una dosa minore.

I ricercatori sostengono dunque che anche una singola dose medio/alta di psilocibina può contribuire a ridurre gli stati di ansia e depressione nei pazienti con cancro.

[Foto copertina di Wikipedia]