Sono chiamati ‘figli dell'equinozio d'autunno‘ e nasceranno probabilmente a Pescara, Arezzo e Siena nella notte tra il 22 e il 23 settembre: chi sono, quali sono le città dell'amore e cosa significa? Risponde alle domande Italo Farnetani, ordinario alla Libera Università Ludes di Malta, che per l'Adnkronos Salute ha ‘disegnato' una mappa delle città ‘dove è più probabile che si verifichino le temperature ideali per il concepimento'.

Fare figli in autunno. L'esperto spiega infatti che nella notte tra il 22 e il 23 settembre, giusto appena all'inizio dell'equinozio d'autunno, le ore di buio saranno uguali a quelle di luce e proprio queste ultime hanno effetti positivi sugli ormoni femminili. “La durata uguale di giorno e notte tipica dell'equinozio – spiega – è utile alla donna: la luce sblocca gli ormoni sessuali femminili e favorisce il concepimento”.

Temperatura perfetta. Ad agevolare il concepimento sarà anche la temperatura: “Quando la colonnina di mercurio si alza troppo – spiega Farnetani – come in estate, può danneggiare gli spermatozoi e ridurre la fertilità nel maschio. Durante l'equinozio d'autunno si verificano condizioni ideali per il concepimento se la temperatura minima della notte è di 12 gradi C”.

Quali sono le città dell'amore in Italia. Secondo il pediatra, è possibile assegnare da una quattro cicogne, a seconda delle probabilità, alle città in cui possiamo trovare le migliori condizoni per il concepimento. Quattro cicogne vanno a Pescara, Farnetani spiega che può essere considerata una vera e propria ‘citta dell'amore' viste le condizioni che offre. Tre cicogne vanno invece ad Arezzo, Lago Trasimeno e Siena. Due cicogne ad Alessandria, Avellino e Bolzano. E una sola cicogna ad Abano Terme, Acquapendente, Altamura, Aqui Terme, Ascoli Piceno, Assisi, Asti, Borgomanero, Bra, Camerino, Civita Castellana, Cremona, Edolo, Ferrara, Fiuggi, Gualdo Tadino, Gubbio, Iesolo, Isernia, Lago Maggiore, Padova, Pavia, Piancastagnaio, Rieti, Rovigo, San Miniato, Sora, Spoleto, Todi, Voghera.