4 CONDIVISIONI

Cancro al seno, più a rischio le donne obese: ecco perché e come intervenire

Le donne obese rischiano di più di sviluppare il cancro al seno triplo negativo che è particolarmente aggressivo poiché i trattamenti oggi utilizzati non sempre sono efficaci. Gli scienziati ci spiegano come siano giunti a questa conclusione e quindi perché i chili di troppo incrementino le probabilità di ammalarsi.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Zeina Ayache
4 CONDIVISIONI
Immagine

L’obesità è un importante fattore di rischio per lo sviluppo del cancro al seno, nello specifico del cancro al seno triplo negativo, che è particolarmente aggressivo poiché è difficile da curare. Vediamo insieme come l’obesità influisce sul rischio di cancro al seno e cosa consigliano gli esperti alle donne.

Cancro al seno ed obesità. Siamo abituati a pensare che il fumo sia la causa principale del tumore al seno, ma l’incremento del numero di persone obese sta dimostrando che anche i chili di troppo sono un fattore che aumenta le probabilità di sviluppare questa malattia, in particolare per quanto riguarda la forma aggressiva triplo negativa. Ma come è possibile?

Questione di grasso. Gli scienziati hanno scoperto che l’obesità riprogramma i macrofagi, cioè globuli bianchi ‘spazzini’ che sono in grado di divorare gli ‘invasori’ come batteri, virus e cellule tumorali, in magrofagi proinfiammatori, macrofagi metabolicamente attivati che, invece di contrastare il cancro al seno, lo promuovono. Questi si accumulano nel tessuto adiposo mammario e rilasciano interleuchina 6, una citochina proinfiammatoria che può dare luogo ai tumori e che abbonda in caso di obesità. L'interleuchina 6 si lega a un recettore sulla superficie delle cellule tumorali esistenti e così facendo rischia di creare “un fenotipo di cellule staminali ancora più aggressivo”, spiegano gli scienziati. Queste cellule staminali tumorali sono in grado di incoraggiare la crescita e la metastasi del tumore, consentendogli di spostarsi in altri siti.

Cosa fare dunque? Dimagrire una volta diagnosticato il cancro al seno è inutile, l’intervento deve essere preventivo, poiché è necessario ridurre al minimo il rischio di infiammazioni croniche scatenate dal meccanismo sopra descritto, e riducendo di conseguenza le probabilità di sviluppare un tumore al seno triplo negativo.

Lo studio, intitolato "Metabolically activated adipose tissue macrophages link obesity to triple-negative breast cancer", è stato pubblicato sul Journal of Experimental Medicine.

4 CONDIVISIONI
Cancro, gravidanze multiple e allattamento al seno riducono il rischio: ecco a chi
Cancro, gravidanze multiple e allattamento al seno riducono il rischio: ecco a chi
La verità sull’incremento del rischio di cancro al seno per colpa degli ftalati nella plastica
La verità sull’incremento del rischio di cancro al seno per colpa degli ftalati nella plastica
Cancro al seno, rivoluzionario test del sangue prevede il rischio di recidiva: come funziona
Cancro al seno, rivoluzionario test del sangue prevede il rischio di recidiva: come funziona
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni