Un blocco di ghiaccio di circa 113 chilometri quadrati si è staccato dal ghiacciaio del Nioghalvfjerdsfjorden, la più grande piattaforma della Groenlandia. La porzione, che si è frantumata in più punti, secondo gli scienziati rappresenta un'ulteriore prova dei rapidi cambiamenti climatici in atto. La perdita, spiegano gli esperti, era prevista dato l'aumento delle temperature medie che si sta registrando nella regione e il danneggiamento della sezione già avvenuta nel 2019.

In Groenlansia si stacca un enorme blocco del ghiacciaio più grande

Stiamo osservando un'accelerazione di questi fenomeni” ha affermato all'agenzia Afp Jason Box del Geological Survey of Denmark and Greenland (Gesus) che ha documentato con immagini satellitari il distaccamento della sezione. Dal 1999, la piattaforma ha ceduto circa 160 chilometri quadrati di ghiaccio, un'area pari al doppio dell'isola di Manhattan, con un tasso di perdita cresciuto nell'ultimo biennio. “Estati più calde come quelle che abbiamo osservato negli ultimi due anni contribuiscono all'innalzamento del livello dei mari” ha aggiunto Box.

Secondo le stime degli esperti, lo scioglimento dei ghiacciai della Groenlandia ha contribuito a un innalzamento del livello dei mari di 1,1 centrimetri tra il 1992 e il 2018 e recenti studi condotti dall'Università di Lincoln, in Inghilterra, hanno indicato che entro il 2100 l'aumento potrebbe toccare i 10-12 centimetri. Le temperature medie nella regione sono salite di circa 3 °C dal 1980, raggiungendo livelli record nel 2020.

Secondo Jenny Turton, ricercatrice presso la Friedrich-Alexander Universitat Erlangen-Nurnberg, in Germania, le ondate di calore degli ultimi anni hanno accelerato lo scioglimento. “Ogni estate – dice in una dichiarazione pubblicata da Gesus – , l'acqua defluisce dalla calotta glaciale della Groenlandia sulla lingua del ghiacciaio, formando fiumi e laghi sulla superficie. Il ricongelamento durante l'inverno crea ulteriore pressione sulla lingua fluttuante, che può portare a distaccamenti”. I ricercatori ritengono che quando accaduto al Nioghalvfjerdsfjorden rispecchi l'evento che nel 2015 ha portato al distaccamento del blocco dello Zachariae. Se le temperature dell'aria e dell'oceano continueranno a salire, avvertono, la regione del Nioghalvfjerdsfjorden diventerà probabilmente uno dei principali centri di azione della deglaciazione della Groenlandia.