I bambini sono più ansiosi a causa dell’aria inquinata che respirano ogni giorno, questa è la conclusione a cui sono arrivati gli esperti che ci spiegano come mai ci sia un legame tra l’inquinamento e il comportamento dei più piccoli. Vediamo insieme come mai i bambini sviluppano ansia a causa dell’inquinamento.

Bimbi e inquinamento. Precedenti studi hanno già dimostrato che il nostro sistema nervoso centrale è particolarmente vulnerabile all'inquinamento atmosferico, questo significa che potrebbe dare il via allo sviluppo di disturbi dell’umore, come l'ansia o la depressione. La nuova ricerca degli esperti della University of Cincinnati si è concentrata sulle conseguenze dell’inquinamento dell’aria provocato dal traffico delle auto e, attraverso tecniche di neuroimaging, ha osservato i cambiamenti nel cervello per capirne le conseguenze sul comportamento.

Lo studio. Per giungere alle loro conclusioni, gli esperti hanno osservato l’attività del cervello di 145 bambini di età media 12 anni, con particolare interesse per i livelli di mio-inositolo, rilevati grazie ad una speciale tecnica di risonanza magnetica. Il mio-inositolo è un metabolita presente in natura principalmente nelle cellule cerebrali specializzate note come cellule gliali, che aiuta a mantenere il volume delle cellule e l'equilibrio dei fluidi nel cervello e funge da regolatore per gli ormoni e l'insulina nel corpo. L'aumento dei livelli di mio-inositolo è correlato ad un aumento delle cellule gliali, che spesso si verifica in caso di infiammazioni.

Inquinamento e ansia. Dai dati raccolti è emerso che i bambini maggiormente esposti all’inquinamento dell’aria provocato dalle auto erano anche quelli con livelli di mio-inositolo più alti. Gli scienziati hanno potuto anche constatare che questa relazione era associata anche ad una maggior presenza di sintomi legati all’ansia nei bambini, in generale il 12% in più.

Conclusioni. Gli esperti sottolineano che per quanto sia vera questa relazione tra inquinamento e ansia, i dati analizzati non fanno pensare un rischio di sviluppare ansia clinica da adulti. Resta però importante considerare che questo legame c’è e che l’inquinamento quindi innesca una risposta infiammatoria nel nostro cervello che non può essere sottovalutata.

Lo studio, intitolato “Myo-inositol mediates the effects of traffic-related air pollution on generalized anxiety symptoms at age 12 years”, è stato pubblicato su Environmental Research.