Le donne che soffrono della sindrome dell'ovaio policistico rischiano di più di avere figli autistici, questo è quanto sostiene un nuovo studio dall'Università di Cambridge che ha analizzato il legame tra i livelli di testosterone e il disturbo del neurosviluppo. Ma come è possibile?

Sindrome dell'ovaio policistico e testosterone. La sindrome dell'ovaio policistico colpisce una donna su dieci ed è provocata da livelli elevati di testosterone, l'ormone maschile, inoltre è associata a sacche piene di liquido (i follicoli) nelle ovaie e a sintomi come l'esordio tardivo della pubertà, cicli mestruali irregolare ed eccesso di peli corporei.

Autismo e testosterone. Per quanto riguarda l'autismo sappiamo che è una condizione che porta a difficoltà nelle relazioni sociali e nella comunicazione e una difficoltà ad adattarsi a cambiamenti inaspettati. Inoltre chi soffre di autismo può avere problemi con l'apprendimento e il linguaggio oltre che ipersensibilità sensoriale. I segni dell'autismo sono evidenti durante l'infanzia anche se la diagnosi è complessa e riguarda l'1% della popolazione. Un recente studio ha mostrato che prima della nascita, i bambini autistici mostrano elevati livelli di ormoni sessuali, incluso il testosterone, che ne ‘mascolinizzano' il corpo e il cervello: questa scoperta potrebbe spiegare come mai l'autismo sia più diffuso tra i maschi.

Sindrome dell'ovaio policistico e autismo. Considerato quanto sopra, i ricercatori hanno messo a confronto i dati riguardati 8.588 donne con sindrome dell'ovaio policistico e 41.127 senza e hanno scoperto che per le prime, il rischio di avere un figlio con autismo era del 2,3%, mentre per le seconde era dell'1,7%. E non è tutto. I ricercatori hanno infatti scoperto anche che: le donne autistiche più facilmente soffrono di sindrome dell'ovaio policistico e le donne con sindrome dell'ovaio policistico più facilmente soffrono di autismo. Insomma, non è scontato che chi soffre di sindrome dell'ovaio policistico abbia figlia autistici, ma la correlazione tra le due condizione, in relazione al testoserone, è sufficientemente forte per gli esperti per poter iniziare a porsi qualche domanda.