2.650 CONDIVISIONI
17 Agosto 2020
11:24

Aumentano in tutto il mondo i casi di tumore al seno

Lo rivelano i risultati di uno studio pubblicato su The Lancet Global Health che ha evidenziato un aumento significativo delle diagnosi in pre-menopausa nei Paesi ad alto reddito, diversamente da quelli in fase di transizione economica dove crescono invece i casi post-menopausa.
A cura di Valeria Aiello
2.650 CONDIVISIONI

Tra le donne, il tumore al seno rappresenta il 24% dei nuovi casi di cancro: complessivamente, nel 2018 sono stati diagnosticati 2,1 milioni di casi di carcinoma mammario in tutto il mondo. Una tendenza che, secondo le previsioni dell’Osservatorio internazionale Globocan, è destinata a salire, con un aumento dei casi di oltre il 46% entro il 2040.

Aumentano i casi di tumore al seno

I dati, riferiti a 185 diversi Paesi, sono stati rielaborati da un team di ricercatori internazionale che ha condotto un nuovo studio per indagare sull’incidenza e la mortalità in base al periodo fertile delle donne. I risultati di questa analisi sono stati pubblicati su The Lancet Global Health e indicano notevoli differenze in base all’indice di sviluppo umano (HDI), il parametro utilizzato dai ricercatori per calcolare il benessere di un Paese.

I Paesi con un HDI più alto (Italia inclusa, ndr) avevano una più alta incidenza di carcinoma mammario in pre-menopausa e post-menopausa, rispettivamente di 30,6 e 253,6 casi su 100mila abitanti – si legge nello studio – . Al contrario, i Paesi con HDI medio-basso hanno registrato la più alta mortalità in pre-menopausa e post-menopausa, rispettivamente di 8,5 e 53,3 decessi ogni 100mila abitanti”.

Esaminando le tendenze, i ricercatori hanno osservato una un aumento significativo dei tassi di incidenza di diagnosi in pre-menopausa nei Paesi ad alto reddito, diversamente dai Paesi in fase di transizione economica, dove sono invece cresciuti i casi post-menopausa. I tassi più alti in pre-menopausa sono stati registrati in Europa occidentale (38,4 ogni 100mila abitanti), Australia e Nuova Zelanda (36,7) e, complessivamente, sono risultati maggiori del 50% rispetto a quelli osservati in regioni come l’Asia centro-meridionale (12 ogni 100mila abitanti) e l’Africa orientale (15,2). Riguardo, invece, l’incidenza in post-menopausa, i tassi più alti sono stati registrati in Australia e Nuova Zelanda (circa 324 ogni 100 mila), Europa occidentale (circa 310) ed Europa settentrionale (308).

Profonde differenze sono state osservate anche per quanto riguarda i tassi di mortalità. Come indicato dallo studio, variazioni più significative sono state registrate in pre-menopausa nei Paesi con un HDI medio-basso: nello specifico, nelle regioni in fase di transizione economica, circa il 47% dei casi di tumore al seno diagnosticato in pre-menopausa ha avuto esito fatale contro l’11% dei casi registrati nei Paesi con HDI più alto. La situazione peggiore è stata misurata in tutte le regioni africane (ad eccezione dell’Africa meridionale), con un’incidenza maggiore in Camerun e Somalia. Per quanto riguarda invece i tassi di mortalità per tumore al seno diagnosticato in post-menopausa, nei Paesi con reddito più basso la percentuale di decessi è stata del 56% rispetto al 21% registrata nei Paesi più sviluppati.

2.650 CONDIVISIONI
Perché con il freddo aumentano i contagi
Perché con il freddo aumentano i contagi
L’antidepressivo sertralina può bloccare la crescita dei tumori
L’antidepressivo sertralina può bloccare la crescita dei tumori
Diagnosi di tumore in aumento in Italia, ma solo tra le donne
Diagnosi di tumore in aumento in Italia, ma solo tra le donne
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni