14 Settembre 2021
21:30

Anche le mucche possono imparare ad andare “in bagno” (ed è più vantaggioso di quanto pensiamo)

Lo ha scoperto un team di ricercatori che ha applicato i principi della psicologia comportamentale per insegnare ai bovini dove fare la pipì: “Si tratta di un’opportunità finora inesplorata che può aiutarci a risolvere i problemi legati all’inquinamento ambientale senza compromettere il benessere degli animali”.
A cura di Valeria Aiello

È possibile insegnare alle mucche dove fare la pipì? La risposta è sì, come dimostrato da un team di ricercatori dell’Università di Auckland, in Nuova Zelanda, che nell’ambito di un progetto che ha coinvolto gli studiosi degli istituti tedeschi per la Salute animale e per la Biologia degli animali da allevamento, è riuscito ad addestrare alcuni bovini a urinare in appositi spazi adibiti a "toilette". Con tutti i vantaggi che potrebbero derivare da questo tipo di addestramento, inclusa la potenziale soluzione di problemi relativi all’inquinamento ambientale fino ai cambiamenti climatici.

Questo perché, spiegano i ricercatori, quando le mucche sono allevate principalmente all’aperto, come in Nuova Zelanda e Australia, l’azoto contenuto nelle loro urine si decompone nel terreno, producendo due sostanze problematiche: nitrato e protossido di azoto. “Il nitrato inquina le acque di laghi, fiumi e falde acquifere, contribuendo alla crescita eccessiva di alghe e erbe infestanti, mentre il protossido di azoto è gas a effetto serra 300 volte più potente dell’anidride carbonica” precisano gli studiosi in un articolo su The Conversation – . In Europa e in Nord America, dove invece le mucche sono allevate principalmente nelle stalle, il problema è rappresentato da un altro gas inquinante, l’ammoniaca, che viene prodotto quando l’azoto dell’urina si mescola con le feci degli animali”.

Per limitare l’impatto degli allevamenti, all’aperto o in stalla che siano, bisognerebbe quindi cercare di raccogliere l’urina degli animali. “Abbiamo lavorato su questo, applicando i principi della psicologia comportamentale per addestrare i bovini ad urinare in un luogo specifico, ovvero ad andare ‘in bagno’” hanno aggiunto gli studiosi, che per insegnare agli animali a controllare lo stimolo della minzione e a raggiungere il luogo adibito a latrina, hanno utilizzato la tecnica della “ricompensa” proprio come si fa quando ad esempio si addestra un cane a svolgere determinati compiti, come recuperare una pallina o saltare un ostacolo.

Nel caso dei bovini, l’addestramento ha previsto una proceduta denominata “concatenamento all’indietro”: in una prima fase, i bovini  – 16 vitelli divisi in due gruppi da 8 ciascuno -, sono stati posti nella latrina e “ricompensati” con il loro cibo preferito quando urinavano. Successivamente, sono stati spostati al di fuori da quest’area, e aiutati con la ricompensa ad entrare nello spazio adibito a latrina per urinare. “Se al minzione iniziava lungo il tragitto, questa veniva scoraggiata con uno spruzzo d’acqua dall’odore leggermente sgradevole”.

L’addestramento, durato nel complesso 15 giorni, è stato descritto nel dettaglio in uno studio pubblicato su Current Biology, ed ha dato risultati già dopo 15-20 minzioni per la maggior parte dei bovini. “I nostri risultati rivelano un’opportunità finora non esplorata, ovvero di sfruttare le capacità cognitive degli animali per aiutare a risolvere problemi ambientali urgenti senza compromettere il loro benessere – concludono gli autori della ricerca – . Inoltre, riducendo la contaminazione delle aree dove vivono gli animali, è possibile migliorare la pulizia, l’igiene e il benessere del bestiame, diminuendo contemporaneamente l'inquinamento ambientale. Così, l’intelligenza animale può aiutarci a risolvere la crisi climatica”.

Pandemie (come quella di Covid) sono molto più probabili di quanto pensiamo
Pandemie (come quella di Covid) sono molto più probabili di quanto pensiamo
Mucche clonate per produrre latte senza lattosio
Mucche clonate per produrre latte senza lattosio
Hai questi segni sulle unghie? Possono indicare che hai avuto la Covid
Hai questi segni sulle unghie? Possono indicare che hai avuto la Covid
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni