334 CONDIVISIONI
20 Marzo 2017
14:34

Anche in Italia la terapia contro il colesterolo che riduce il rischio di infarti e ictus

La terapia a base di evolucumab (Repatha) non solo riduce il colesterolo ‘cattivo’ nel sangue dei pazienti, ma riduce il rischio di infarti e ictus. È disponibile anche in Italia.
A cura di Zeina Ayache
334 CONDIVISIONI

Si chiama Evolucumab ed è l'anticorpo monoclonale utilizzato per contrastare il colesterolo ‘cattivo' nel sangue. Ma non solo. È un valido aiuto contro ictus e infarti. A darci questa notizia sono i ricercatori che, in occasione dell'Acc 2017 Scientific Session, hanno presentato i risultati del loro studio effettuato proprio sull'evolocumab, farmaco conosciuto come Repatha.

Quando parliamo di ‘anticorpi monoclonali' ci riferiamo a quegli anticorpi prodotti da un tipo di cellula immunitaria che, in campo terapeutico, vengono descritti con il suffisso -mab, come appunto nel caso dell'evolocumab che, nel caso specifico, viene impiegato per ridurre i livelli di colesterolo nel sangue. L'anticorpo monoclonale infatti riesce a bloccare la proteina PCSK9 delle cellule epatiche che riduce il numero di recettori per le lipoproteine LDL e la capacità del fegato di eliminare appunto il colesterolo cattivo dal sangue.

Ma non è tutto. Un recente studio, effettuato su 27.564 pazienti tra il febbraio 2013 e il giugno 2015 distribuiti su 49 paesi e suddivisi tra placebo e non, ha dimostrato che l'evolocumab è in grado anche di ridurre il rischio di ictus, infarti e morte cardiovascolare del 16% già dopo sei mesi e del 25% nel giro di anno. Questi dati dimostrano che la terapia, per fare più effetto, ha bisogno di durare nel tempo e i suoi risultati si vedono sul lungo periodo.

“Per la prima volta in uno studio del genere siamo riusciti a dimostrare che la riduzione del colesterolo LDL attraverso l'inibizione della PCSK9 risulta un beneficio cardiovascolare clinicamente significativo”, spiega Marc S. Sabatine dell'Harvard Medical School.

Quanto scoperto è fondamentale per i pazienti che soffrono di colesterolo alto e che rischiano di andare incontro ad ictus, infarti e altri problemi cardiovascolari. Il farmaco è attualmente disponibile in Italia in regime di rimborsabilità.

334 CONDIVISIONI
Il colesterolo alto aumenta di sette volte il rischio di infarto nei pazienti Covid
Il colesterolo alto aumenta di sette volte il rischio di infarto nei pazienti Covid
Cancro alla prostata: l'abiraterone riduce del 38% il rischio di morte ed è chemio-free
Cancro alla prostata: l'abiraterone riduce del 38% il rischio di morte ed è chemio-free
È ufficiale, l'aspirina previene il cancro e riduce il rischio di morte per tumori
È ufficiale, l'aspirina previene il cancro e riduce il rischio di morte per tumori
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni