15 Ottobre 2021
15:42

Alcune sostanze chimiche nei cosmetici e nei giocattoli aumentano il rischio di morte prematura

La correlazione è stata osservata da un team di ricerca americano che indica come alcune sostanze chimiche possano provocare 100.000 morti premature ogni anno negli Stati Uniti: “L’impatto è molto maggiore di quanto pensassimo inizialmente”.
A cura di Valeria Aiello

Alcune sostanze chimiche, che si trovano normalmente nei cosmetici, negli smalti e nei giocattoli, possono provocare fino a 100.000 morti premature ogni anno negli Stati Uniti. È quanto emerge da uno studio pubblicato su Environmental Pollution da un team di ricerca della Grossman School of Medicine e della Langone Health della New York University che mostra come i ftalati, dei composti chimici usati come agenti plastificanti e nelle fragranze, abbiano un prezzo da pagare in termini di salute.

I risultati dei ricercatori hanno indicato che l’esposizione agli ftalati è associato alla morte prematura, in particolare a causa di malattie cardiache. “Fino ad ora, abbiamo capito che le sostanze chimiche si collegano alle malattie cardiache e le malattie cardiache a loro volta sono una delle principali cause di morte, ma non avevamo ancora collegato le sostanze chimiche stesse alla mortalità” ha spiegato l’autore principale dello studio, Leonardo Trasande.

Gli ftalati si trovano quasi ovunque e sono disponibili in molte forme, utilizzati negli smalti per unghie, nella lacca per capelli, nelle fragranze e in un’ampia varietà di imballaggi e prodotti in plastica. Alcuni studi hanno documentato che possono causare disturbi ormonali, anche se gli effetti di questi composti sulla salute non sono ancora completamente compresi. Una ricerca, in particolare, ha suggerito che gli ftalati potrebbero interferire con la funzione dei testicoli, riducendo i livelli di testosterone. Recentemente, in Europa e negli Stati Uniti, alcuni sviluppi normativi hanno portato a un cambiamento nell’uso degli ftalati, regolamentati e limitati in molti prodotti.

Nel loro studio, i ricercatori hanno valutato la sicurezza degli ftalati in oltre 5.300 persone di età compresa tra 55 e 64 anni, che tra il 2001 e il 2010 hanno fornito campioni di urina come parte del National Health and Nutrition Survey degli Stati Uniti, analizzati per la presenza di metaboliti degli ftalati. Quando queste misurazioni sono state confrontate con varie cause di mortalità, gli studiosi hanno osservato alcune correlazioni.

I partecipanti allo studio con alti livelli metaboliti ftalati avevano un rapporto di rischio più elevato per la mortalità per tutte le cause, in particolare per le malattie cardiovascolari, rispetto al gruppo con bassi livelli di metaboliti ftalati. Estrapolando questi risultati e confrontandoli con la dimensione della popolazione di questa fascia di età negli Stati Uniti, i ricercatori suggeriscono che circa 100.000 persone possono potenzialmente morire ogni anno per complicazioni legate agli ftalati.

Oltre al costo nascosto per la salute, gli ftalati hanno un prezzo anche in termini di perdita produttiva, che gli studiosi stimano di 39 o più miliardi di dollari l’anno. “Sebbene siano necessari ulteriori studi per confermare le osservazioni e identificare i meccanismi, è urgentemente necessaria un’azione normativa –  indicano gli studiosi – . La nostra ricerca suggerisce che il bilancio di questa sostanza chimica sulla salute e sulla società è molto maggiore di quanto pensassimo inizialmente”.

La pillola anti Covid di Merck dimezza il rischio di ricovero in ospedale o morte
La pillola anti Covid di Merck dimezza il rischio di ricovero in ospedale o morte
Quanti passi al giorno devi fare per non rischiare una morte prematura
Quanti passi al giorno devi fare per non rischiare una morte prematura
Perché i cambiamenti climatici aumentano il rischio di malori per gli atleti delle Olimpiadi
Perché i cambiamenti climatici aumentano il rischio di malori per gli atleti delle Olimpiadi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni