Addyi il Viagra femminile torna in commercio. Dopo una serie di vicissitudini, che lo hanno escluso dai banchi delle farmacie per ben 2 volte e dopo una accesissima polemica, è tornato anche se solo nei banchi vendita del web.

Il Farmaco. Si chiama Addyi o Flibanserin, la pillola della discordia appena approvata dalla FDA (Food and Drug Administration). Viene chiamato erroneamente e forse anche a indebito scopo commerciale "Viagra femminile". Il farmaco, nato come antidepressivo, non influisce sulla risposta fisica allo stimolo sessuale imitando il Viagra, facilitando cioè l'afflusso sanguigno alle zone genitali, bensì agisce sul rilascio degli ormoni inibitori ed eccitatori, la serotonina e la dopamina, cercando proprio nel cervello, come racconta la saggezza popolare, il segreto della felicità sessuale di una donna.

Controindicazioni. Esattamente come gli psicofarmaci le controindicazioni di Addyi sono molteplici e anche gravi. Per evitare stanchezza, nausea e vertigini, condizioni non proprio propiziatorie di un rapporto sessuale, andrebbe assunto ogni giorno e sono assolutamente bandite bevande alcoliche causa sincopi e svenimenti, no niente vino durante i vostri appuntamenti. Infine il farmaco è prescrivibile alle donne affette da disordine ipoattivo del desiderio sessuale, un disturbo multi fattoriale che si calcola colpire in vario grado "solo" il 10% della popolazione femminile.

Polemica. A dispetto dei gravi effetti collaterali, sembra che i risultati del farmaco siano davvero scarsi. Il campione analizzato ha ottenuto un rapporto sessuale in più al mese rispetto al campione placebo, creando cosi un forte dibattito nella comunità scientifica . Oltre tutto l'azienda produttrice, la Sprout Pharmaceuticals, è stata accusata di aver finanziato e addirittura creato una campagna di sensibilizzazione per la discriminazione di genere nella produzione di farmaci,  sotto la cui pressione è stato approvato il Flibanserin. Il pericolo infine è che un farmaco con una cosi alta pericolosità possa essere usato Off-label, cioè al di fuori della prescrizione e supervisione medica, proprio come è accaduto al suo "fratellastro" Viagra.