L'aceto può salvare le piante dalla siccità, a darci questa notizia sono i ricercatori giapponesi del Riken Institute, guidati da Jong-Myong Kim, che su Nature Plants hanno pubblicato il loro studio all'interno del quale ci spiegano quali siano le proprietà dell'aceto e come riesca a sconfiggere la siccità quando aggiunto alle piante.

La pianta modello. Lo studio è stato effettuato su una pianta utilizzata normalmente come organismo modello per le scienze vegetali, si tratta dei una specie di Arabidopsis, un genere di piante angiosperme caratterizzato da tanti piccoli fiori. Questa pianta è caratterizzata da una mutazione di un enzima, l'HDA6 che, secondo i ricercatori, permette al vegetale di crescere anche in contesti particolarmente secchi.

Pianta e siccità. Tutti noi sappiamo che le piante hanno bisogno di acqua per vivere, alcune però sono più resistenti di altre. Ma come mai? Analizzando la pianta non mutata, in condizione di siccità, gli scienziati hanno mostrato che le sue caratteristiche genetiche sono connesse all'attivazione di molecole che producono acetato, che è il principale componente dell'aceto. Gli scienziati hanno poi analizzato le piante mutate, sempre in condizioni di siccità, e hanno scoperto che questo meccanismo risultava ancora più forte: la produzione dell'acetato era superiore. In pratica l'enzima HDA6 funziona da ‘interruttore del metabolismo'.

Aceto e acetato. I ricercatori spiegano che, se normalmente le piante scompongono lo zucchero che assorbono per produrre energia, in caso di siccità utilizzano l'acetato. Questo significa che nelle piante normali l'acetato prodotto durante la siccità è collegato direttamente a quanto bene riescono a sopravvivere.

L'esperimento. Dopo aver analizzato le piante per capire il funzionamento della produzione di acetato, i ricercatori hanno testato gli effetti dello stesso aceto sui vegetali. Per farlo, gli scienziati hanno fatto crescere alcune piante normali in condizioni di siccità e le hanno trattate con dell'acido acetico, altri acidi organici e acqua. Dopo 14 giorni, il 70% delle piante trattate era sopravvissuto, mentre quelle non trattate erano tutte morte.

E quindi? Non contenti, i ricercatori hanno testato l'aceto anche su altre piante, come riso, grano e mais e hanno osservato che anche queste mostravano una maggior tolleranza alla siccità. I risultati di questo studio sono importanti per le coltivazioni che spesso soffrono a causa dell'assenza di acqua in alcune stagioni, trovare un rimedio simile potrebbe rappresentare una svolta importante per il settore.

[Foto copertina di Alexas_Fotos]