180 CONDIVISIONI
Covid 19
27 Agosto 2021
11:16

A un anno dall’infezione la metà dei pazienti Covid ha ancora problemi di salute

Lo rileva un nuovo studio pubblicato su The Lancet che da luce sulle conseguenze della malattia in oltre 1.200 persone ricoverate in un ospedale di Wuhan durante la prima ondata della pandemia: sintomi come stanchezza persistente e affaticamento sono risultati i più comuni nel 49% dei pazienti. Quasi uno su tre soffre ancora di mancanza di respiro e disturbi polmonari.
A cura di Valeria Aiello
180 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Quasi la metà dei guariti da forme di Covid-19 che hanno richiesto il ricovero in ospedale continua ad avere problemi di salute a un anno dall’infezione. Lo rileva un nuovo studio pubblicato su The Lancet che fa luce sulle conseguenze della malattia in oltre 1.200 pazienti che sono stati dimessi dall’ospedale Jin Yin-tan di Wuhan, in Cina, tra il 7 gennaio e il 29 maggio 2020.

Il 49% dei pazienti, evidenziano gli studiosi, soffre di almeno un sintomo persistente a distanza di un anno dall’infezione, e quasi un terzo (30%) ha riscontrato mancanza di respiro. Sintomi come affaticamento e debolezza muscolare sono stati tra quelli più comunemente riportati (20% dei pazienti). Altri disturbi più frequenti hanno incluso problemi del sonno (17%), dolori articolari (12%), perdita dei capelli (11%), palpitazioni (9%). Segnalati inoltre dolori al petto (7%), vertigini (5%), disturbi dell’olfatto (4%), disturbi del gusto (3%), calo dell’appetito (3%), eruzioni cutanee (3%) e mal di testa (2%).

Gli stessi pazienti erano stati precedentemente valutati a 6 mesi dall’infezione e, diversamente dalle attese, alcuni disturbi sono risultati più frequenti al follow-up a 12 mesi. Tra questi, la mancanza di respiro che è stata segnalata nel 4% in più dei casi. Questo problema è risultato più diffuso nei pazienti che hanno superato una forma grave di Covid-19 e che avevano richiesto ventilazione durante il ricovero in ospedale (39%) rispetto a coloro che non erano stati trattati con ossigeno (25%). Al contrario, i problemi di funzionalità polmonare sono stati osservati indipendentemente dalla gravità della malattia durante il ricovero, senza miglioramenti significativi dai 6 ai 12 mesi.

L’indagine ha inoltre mostrato come, rispetto agli uomini, le donne abbiano 1,4 volte più probabilità di riportare affaticamento o debolezza muscolare, il doppio delle probabilità di segnalare ansia o depressione e quasi tre volte più probabilità di avere una compromissione della diffusione polmonare dopo 12 mesi. Le persone che erano state trattate con corticosteroidi avevano 1,5 volte più probabilità di sperimentare affaticamento o debolezza muscolare dopo 12 mesi, rispetto a quelle che non erano state trattate con corticosteroidi durante la malattia.

Sebbene buona parte dei pazienti si sia ripresa bene, in alcuni persistono problemi di salute, specialmente tra coloro che hanno sperimentato una forma di Covid grave durante la degenza ospedaliera – ha affermato Bin Cao del Centro nazionale cinese di pneumologia e autore principale dello studio – .  I nostri risultati suggeriscono che il recupero per alcuni pazienti richiederà più di un anno e questo dovrebbe essere preso in considerazione nella pianificazione della fornitura di servizi sanitari post-pandemia”.

180 CONDIVISIONI
28154 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni