Inseguendo una libellula in un prato si rischia di percorrere anche 7.000 chilometri, ovviamente se la libellula in questione è la Pantala flavescens. I ricercatori della Rutgers University Newark hanno infatti scoperto che questo insetto, conosciuto come Frecciaerrante, è quello in grado di percorrere le distanza più lunga in volo, appunto 7.000 km, e stiamo parlando di un essere vivente di poco più di 3 cm. Come spiegano i ricercatori nello studio intitolato “A Global Population Genetic Study of Pantala flavescens” e pubblicato su PLOS ONE, la libellula in questione si trova in Texas, in Canada, in Giappone, in Corea, in India e in Sud America, insomma, praticamente ovunque.

Ma come hanno fatto a capire che questo insetto riesce a percorrere tanta strada? Gli scienziati hanno analizzato il DNA di diversi esemplari di Pantala flavescens nei vari Paesi in cui vivono questi insetti e hanno scoperto che i loro profili genetici sono talmente simili da far pensare che facciano parte di un unico gruppo capace dunque di spostarsi attraverso distanze enormi. Se così non fosse, il loro profilo genetico avrebbe presentato molte più incongruenze.

Lo studio in questione rappresenta il primo nel suo genere, mai prima di ora erano stati calcolati i chilometri percorsi basandosi sulla genetica. Perché questi insetti attraversano il mondo? La conformazione fisica di queste libellule permette loro di farsi trasportare dal vento riuscendo a viaggiare per molti chilometri senza sprecare energie.

Le Pantala hanno bisogno dell'umidità per riprodursi, anche per questo migrano nel tentativo di trovare il luogo perfetto per mettere al mondo la prole con la quale ripartire verso una nuova destinazione. Insomma le Pantala flavescens sono gli insetti che percorrono il maggior numero di chilometri seguite dalla farfalla monarca (4.000 km).

[Foto copertina di Wikipedia.org]