A partire dalle 20:12 del 7 agosto potremo assistere al nuovo spettacolo della Luna piena, un evento che si presenta puntualmente ogni 29 giorni e mezzo ed è legato all'allineamento tra la Terra, il Sole e il nostro satellite naturale. In parole semplici, la Luna a causa dei moti orbitali viene a trovarsi in perfetta opposizione al Sole, con la Terra posta al centro; ciò permette ai raggi solari di illuminare completamente la faccia visibile del corpo celeste, e regalarci così lo spettacolo della Luna piena, particolarmente apprezzabile durante le calde serate e notti estive.

Quella di agosto prende il nome di “Luna Storione”, appellativo scelto dalla popolosa tribù degli Algonchini, indiani d'America. È proprio ai nativi americani che si devono tutti i curiosi nomi dati alle lune piene, poiché non disponendo del nostro medesimo calendario, quello Giuliano, scandivano i propri anni attraverso le fasi lunari, affidando a ciascuna Luna piena un nome legato agli eventi naturali più importanti di quel mese, come ad esempio raccolti, fioriture o presenza di animali.

La Luna piena di agosto si chiama così poiché in questo mese e all'inizio di settembre è il momento migliore dell'anno per pescare questo affascinante pesce, sia nei Grandi Laghi americani che nel Lago Champlain. La specie americana non è la più grande di tutte, dato che raggiunge i due metri di lunghezza (lo storione Ladano o beluga supera i nove metri), ma le femmine possono vivere fino a più di 150 anni, mentre i maschi arrivano a 55. Le sue carni erano particolarmente apprezzate dai nativi americani ed è per questa ragione che gli hanno dedicato la luna piena di agosto. Prima della colonizzazione europea questi pesci erano numerosissimi, ma oggi le loro popolazioni che sopravvivono nei laghi sono letteralmente crollate.

Come avviene per gli altri mesi, la Luna piena di agosto può avere nomi secondari, scelti da altre tribù di nativi americani. Quello dello storione è il nome “ufficiale” poiché scelto dagli Algonchini, la più numerosa, ma è conosciuta anche con l'appellativo di Luna piena del grano verde, Luna del grano tagliato e Luna Mirtillo, in riferimento ai ricchi raccolti di questi alimenti. Le tribù coinvolte nella scelta di questi nomi supplementari sono quelle di San Ildefonso, San Juan e gli Ojibwe.

[Foto di Andrea Centini]