in foto: Foto di una meteora delle Leonidi: credit Navicore

La scorsa notte, alle 23:10 circa, il cielo del Nord Italia è stato solcato da un piccolo corpo di natura extraterrestre, che per alcuni istanti lo ha illuminato di verde con una lunga ed effimera scia, prima di disgregarsi nell'impatto con l'atmosfera in un fragoroso boato. L'evento, che ha immediatamente catalizzato l'interesse degli utenti dei social, compresi alcuni vip che vi hanno assistito come il rapper Fedez, è stato particolarmente apprezzabile tra Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, tuttavia sembra che tra i fortunati spettatori vi siano stati anche diversi cittadini del Centro Italia. Si trattava di un semplice bolide, come sottolineato dall'astrofisico Gianluca Masi a capo del Virtual Telescope, ovvero di una meteora particolarmente luminosa, "accesa" dall'impatto di un piccolissimo frammento con l'atmosfera terrestre. Ecco una lista degli oggetti che innescano questi spettacolari fenomeni.

Cos'è una meteora

Quando il frammento di una cometa o un meteoroide, ovvero un piccolissimo asteroide, entra in contatto con l'atmosfera terrestre e “brucia” completamente a causa della pressione dinamica, un processo di vaporizzazione ed erosione noto col nome di ablazione, siamo innanzi a una meteora. È in pratica un semplice spettacolo visivo che non produce detriti e – normalmente – danni sulla Terra. Le meteore sono anche conosciute col nome comune di stelle cadenti, che possono trasformarsi in una vera e propria “pioggia” – lo sciame meteorico – quando l'atmosfera terrestre entra in contatto col materiale rilasciato dalle comete. Basti pensare alle famose "Lacrime di San Lorenzo”, le Perseidi, che tradizionalmente attorno al 10 agosto illuminano alcune notti estive. Esse non sono altro che particelle rilasciate dalla cometa Swift-Tuttle.

Cos'è un bolide

Quando le meteore acquisiscono una magnitudine apparente (ovvero una luminosità) particolarmente elevata, da –3 o da -5 in su in base alle “scuole di pensiero”, prendono il nome di bolidi, sebbene il termine non abbia un vero e proprio rigore scientifico. Quello transitato sopra i cieli italiani, con la sua brillante scia verdognola, era proprio proprio un bolide, ed è stato generato da un frammento di polvere interplanetaria grande come un sassolino, come ha sottolineato il dottor Masi.

Cos'è un Meteorite

Se il meteoroide non viene completamente consumato dall'impatto con l'atmosfera, ciò che ne rimane è destinato a impattare con la superficie della Terra. Il “sassolino” che troviamo sul terreno prende il nome di meteorite. Si stima che ogni anno ne cadano alcune centinaia, tuttavia la stragrande maggioranza finisce negli oceani e in aree disabitate, dunque se ne recuperano soltanto una (preziosissima) manciata. Ne esistono di diverse tipologie ed età, e fondamentalmente si dividono in meteoriti rocciosi e meteoriti ferrosi. Recentemente, nelle cosiddette condriti carbonacee, i più antichi meteoriti conosciuti, è stato scoperto un minerale completamente nuovo che è stato chiamato “rubinite”.

La “meteora” di Celjabinsk

L'evento accaduto ieri notte nei cieli italiani ha alcune analogie con quello avvenuto nei cieli della Russia la mattina del 15 febbraio 2013, con l'unica – e sostanziale – differenza rappresentata dalla grandezza del meteoroide coinvolto. KEF-2013, così chiamato dagli scienziati russi, non si limitò alla “fiammata” e al boato. Aveva infatti un diametro di 15 metri e una massa di 10mila tonnellate, ed esplose a decine di chilometri di altezza sopra i cieli della cittadina di Celjabinsk, a sud degli Urali. L'impatto con l'atmosfera, all'incredibile velocità di 54mila chilometri orari, fu tremendo e sprigionò un'energia di 500 chilotoni (decine di volte più potente delle bombe atomiche sganciate dagli USA sul Giappone), che ha prodotto un'onda d'urto devastante. Ci furono circa 1.200 feriti a causa delle schegge dei vetri degli edifici, letteralmente esplosi. Fortunatamente non si registrarono morti. Nell'ottobre del 2016 in un lago vicino alla città fu recuperato un meteorite di 270 chilogrammi, ciò che rimaneva del meteoroide. Nonostante il recupero del grande frammento, l'evento è passato alla storia come “la meteora di Celjabinsk.

[Foto di Navicore]