In un comunicato diffuso sul sito istituzionale l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha lanciato l'allarme sulla gonorrea, una malattia sessualmente trasmissibile che oltre a una diffusione esponenziale sta dimostrando una spiccata resistenza agli antibiotici. A preoccupare gli esperti è soprattutto l'infezione scaturita dal sesso orale, laddove il batterio responsabile della patologia, il gonococco di Neisser (Neisseria gonorrhoeae), moltiplicandosi in gola e rinforzandosi grazie all'assunzione di antibiotici per i malanni di stagione sta dando vita a una forma resistentissima ai farmaci. Non a caso l'OMS ha segnalato l'esistenza di alcuni casi in Francia, Stati Uniti e Spagna nei quali i malati non hanno dato risposta positiva ai farmaci.

In base alle stime ufficiali ogni anno sono ben 78 milioni le persone a contrarre la gonorrea, con percentuali che continuano a salire vertiginosamente. Basti pensare che nella sola Italia si è registrato un +25 percento nelle diagnosi del 2014 rispetto a quelle del 2013. Tra le cause principali della diffusione dell'infezione, secondo l'OMS, vi sono il mancato utilizzo del preservativo e le maggiori possibilità di viaggiare nel mondo. Talvolta asintomatica, la gonorrea può essere particolarmente aggressiva nelle donne, dove oltre alle perdite vaginali e all'infiammazione locale possono accompagnarsi un maggior rischio di contrarre il virus dell'HIV e l'infertilità. Nelle donne in gravidanza emerge inoltre il pericolo di parto prematuro e quello di infezioni fetali.

L'accresciuta resistenza agli antibiotici di diversi ceppi del batterio è stata dimostrata praticamente con qualunque famiglia di farmaci, come la più comune ed economica ciprofloxacina e l'azitromicina. I più efficaci, viene spiegato nel comunicato dell'OMS, attualmente sono i cosiddetti ESC, ovvero il cefixime orale e il ceftriaxone iniettabile, benché la resistenza ai suddetti farmaci sia stata evidenziata in ben 50 paesi. Per questa ragione l'OMS raccomanda ai medici di prescrivere un doppio antibiotico per il trattamento, il ceftriaxone e l'azitromicina.

Attualmente sono in sviluppo tre nuovi antibiotici presso le case farmaceutiche (solitromicina, zoliflodacina e gepotidacina) e stanno ancora affrontando la fase sperimentale. La speranza è che possano essere presto resi disponibili, poiché come ha sottolineato la dottoressa Teodora Wi dell'OMS, i casi non trattabili registrati fino ad oggi potrebbero rappresentare soltanto la punta dell'iceberg.

[Foto di stokpic]