UPDATE – L'accordo sul clima Cop 21 è stato firmato da 171 paesi: secondo il Presidente del Consiglio Matteo Renzi si tratta di un “segno di responsabilità per i nostri figli, un segnale di speranza. Se chiudiamo gli occhi, qui con noi possiamo vedere i nostri figli e i nostri nipoti – ha aggiunto il premier -. “Siamo molto orgogliosi come italiani per i nostri risultati ottenuti e per quelli che otterremo".

La firma dell'Italia con Renzi.

L'intervento di Leonardo DiCaprio.

L'attore, attivista ambientalista, Leonardo DiCaprio è intervenuto dichiarando: "Il mondo si rivolge a voi: siete l'ultima speranza per questo Pianeta".

A New York, presso la sede delle Nazioni Unite, 171 Paesi firmano l'Accordo di Parigi negoziato per anni e finalizzato nel dicembre 2015 con l'obiettivo di proteggere il nostro futuro dal riscaldamento globale e dai conseguenti cambiamenti climatici di cui siamo responsabili a causa delle eccessive emissioni di gas serra. Si tratta di un momento storico che cade proprio nella stessa data in cui si celebra la Giornata della Terra, 24 ore in cui tutti noi siamo invitati a riflettere e ad agire per, nel nostro piccolo, rispettare l'ambiente in cui viviamo.

Come dicevamo, a firmare questo Accordo sono 168 Paesi, un numero record che supera quello passato di 119 firme. A partecipare a questo evento sono una sessantina di capi di Stato tra qui François Hollande (Francia), Zhang Gaoli (Cina), Justin Trudeau (Canada), John Kerry (USA).

Presieduta dal segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon, dal Presidente della Repubblica Francese François Hollande e dal segretario esecutivo della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici Christiana Figueres, la cerimonia della firma all'Accordo di Parigi si tiene presso la sede delle Nazioni Unite a New York.

L'apertura dell'evento è stata fissata per le 8:30 ora NY, quindi per le 14:30 da noi e terminerà intorno alle 18:00, con una pausa pranzo tra le 13:15 e le 14:45 di NY, durante queste ore si susseguono le firme dei Paesi che hanno aderito. Tra le 18:00 e le 18:30 invece si chiude l'evento per dare inizio ad una nuova pagina della storia del nostro Paese (si spera).

L'Accordo ha dunque l'obiettivo di dare il via ad un nuova fase per l'ambiente. I vari Paesi aderenti si impegnano infatti a ridurre le emissioni di gas serra, attraverso apposite leggi nazionali, al fine di evitare di superare di 2 gradi le temperature medie globali. Oltre questa cifra infatti le conseguenze per la nostra salute e per quella in generale del Pianeta potrebbero essere devastanti. Il tempo a nostra disposizione non è molto se consideriamo che gli ultimi sei mesi hanno raggiunto temperature di oltre 1 grado sopra la media.