7986

condivisioni

CONDIVIDI
20 Dicembre 2018 17:39

Solstizio d’inverno 2018: sta arrivando la notte più lunga dell’anno

Alle ore 23:30 italiane, del 21 dicembre, inizierà ufficialmente l'inverno: il solstizio infatti segna il passaggio alla nuova stagione e ci farà vivere la notte più lunga dell'anno, o il giorno più corto dell'anno, dipende dai punti di vista. Ecco cosa c'è da sapere sul solstizio d'inverno e quali feste rappresenta.
A cura di Zeina Ayache

Il 21 dicembre, alle ore 23:23 ora italiana, inizia ufficialmente l'inverno: questo significa che mancano tre mesi alla primavera, ma soprattutto che stiamo per vivere la notte più lunga dell'anno. Ecco cosa c'è da sapere sul solstizio d’inverno.

Il 2018. Il solstizio d'inverno si verifica tutti gli anni tra il 21 e il 22 dicembre, più raramente il 20 e il 23 dicembre. Ad esempio, il prossimo solstizio d'inverno cadrà il 20 dicembre nel 2080, mentre il 23 dicembre nel 2303. Per quest'anno il solstizio d'inverno è previsto per il 21 dicembre, alle ore 23:30 italiane e segnerà l'inizio ufficiale dell'inverno.

Perché è la notte più lunga dell'anno. Per capire perché sia la notte più lunga dell'anno dobbiamo partire dal significato della parole ‘solstizio' che significa ‘sole stazionario'. Questo perché in questo momento il Sole raggiunge il punto di inclinazione minimo (in inverno) o massimo (in estate). In inverno dunque i raggi che arrivano sulla Terra sono più deboli e quindi le ore di luce sono poche, tanto da farci vivere la giornata con la maggior differenza di durata tra giorno e notte, che è dunque la più lunga dell'anno (d'estate è l'esatto contrario).

Perché non è sempre lo stesso giorno alla stessa ora. Il motivo per cui il solstizio cambia sempre ora e data è perché in realtà l'anno solare è formato da 365 giorni, 5 ore, 48 minuti e 46 secondi, mentre noi ufficialmente lo facciamo durare 365 giorni, trovandoci dunque di fronte ad uno slittamento.

L'inizio delle festività. Il solstizio d'inverno ci ricorda anche gli antichi festeggiamenti di epoca romana, quelli del ‘Sol invictus' e Saturnalia, feste pagane in onore di Saturno durante le quali si celebrava la rinascita della natura. Il "dies natalis Solis Invicti", il giorno di nascita del Sole Invincibile cadeva infatti proprio il 25 dicembre.

La luna piena. Vi ricordiamo che dopo il solstizio d'inverno toccherà alla luna piena di Ghiaccio attesa per il 22 dicembre.

Continua a leggere su Fanpage.it
2018, l’anno più caldo per l’Italia dal 1800: perché questo conferma i cambiamenti climatici
Pioggia di stelle cadenti nella notte di San Silvestro: le Draconidi illuminano il Capodanno
Meteore, congiunzioni e la meravigliosa cometa di Natale: il cielo di dicembre dà spettacolo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni