911 CONDIVISIONI
20 Aprile 2021
10:52

Queste vitamine possono ridurre il rischio di Covid nelle donne

Lo indicano i dati del più grande studio osservazione finora condotto sull’infezione da Sars-Cov-2 e l’assunzione di integratori alimentari: “L’uso di probiotici, acidi grassi omega-3, multivitaminici e vitamina D è associato un minor rischio di infezione nelle donne”
A cura di Valeria Aiello
911 CONDIVISIONI

C’è un’associazione modesta, ma significativa, tra l’uso di integratori alimentari e minor rischio di contrarre l’infezione da coronavirus. Questo vale per le donne, ma non per gli uomini, in cui non è stato osservato alcun chiaro beneficio. Lo indicano i risultati del più grande studio osservazionale finora condotto da un team internazionale di ricerca che ha coinvolto circa 446mila iscritti all’app Covid-19 Symptom Study, la piattaforma lanciata dalla società di scienza della salute Zoe all’inizio del 2020. Gli utenti – 372mila nel Regno Unito, 46mila negli Stati Uniti e 27mila in Svezia –  hanno risposto a una serie di domande, inclusi alcuni quesiti sull’uso di probiotici, multivitaminici, omega-3, vitamina C, vitamina D, aglio e zinco, oltre ad aver fornito informazioni su svolgimento ed esito dei test diagnostici per Covid-19.

Integratori alimentari e rischio Covid-19

Nel Regno Unito, dove poco meno della metà dei partecipanti allo studio ha affermato di assumere qualche tipo di integratore, circa il 6,6% di coloro che non faceva uso di alcun integratore è risultato positivo a Sars-Cov-2 . “Nella coorte del Regno Unito, gli utenti che integravano regolarmente la loro dieta con multivitaminici avevano il 13% di probabilità in meno di avere un test positivo in seguito all’assunzione di vitamina D, il 9% in meno con i probiotici e il 12% in meno con agli acidi grassi omega-3 – indicano gli studiosi – . Non sono invece state osservate associazioni significative in coloro che integravano la dieta con vitamina C o zinco”.

Associazioni tra il test positivo per SARS–CoV–2 e l’uso di integratori negli utenti dell’app Covid–19 Syntom Study del Regno Unito. In blu un rischio ridotto e in rosso un aumento del rischio di test positivo / BMJ
Associazioni tra il test positivo per SARS–CoV–2 e l’uso di integratori negli utenti dell’app Covid–19 Syntom Study del Regno Unito. In blu un rischio ridotto e in rosso un aumento del rischio di test positivo / BMJ

Tuttavia, l’analisi dei dati per genere ha indicato che negli uomini non c’era alcuna differenza legata all’assunzione di integratori, mentre questa variazione era presente nelle donne, indipendentemente dall’età e dall’indice di massa corporea (BMI). “Le donne che assumevano probiotici, acidi grassi omega-3, multivitaminici e vitamina D avevano un minor rischio di infezione in tutti i gruppi di età e le categorie di BMI, con un rapporto di probabilità (OR, 95% CI) che variava da 0,73 (0,63 a 0,85) per i probiotici nelle donne di età inferiore ai 40 anni e fino a 0,91 (da 0,86 a 0,96) per la vitamina D nelle donne di età compresa tra 40 e 60 anni)”. I dati relativi agli Stati Uniti e alla Svezia hanno però per rivelato che gli integratori di acidi grassi omega-3 non sembravano aiutare le donne svedesi e, al contrario, che i probiotici e la vitamina D potevano essere di aiuto per gli uomini statunitensi.

Nel complesso, i risultati pubblicati nel dettaglio in uno studio su British Medical Journal, mostrano una differenza molto modesta in termini di minore probabilità di contrarre Covid-19. Per esempio, l’assunzione di vitamine ha ridotto di meno dell’1% il rischio di infezione di Covid-19 nei partecipanti allo studio nel Regno Unito. Ad ogni modo, a livello di popolazione, anche un solo punto percentuale può tradursi in numeri assoluti molto alti. Pertanto, indicano i ricercatori che hanno richiesto l’autorizzazione per un ampio studio clinico, sono necessarie “nuove indagini e studi randomizzati e controllati con placebo per confermare i risultati osservazionali prima di formulare raccomandazioni terapeutiche”.

911 CONDIVISIONI
L'integrazione di Vitamina D nei pazienti Covid carenti può ridurre i rischi di ventilazione e morte
L'integrazione di Vitamina D nei pazienti Covid carenti può ridurre i rischi di ventilazione e morte
La vitamina D può ridurre il rischio di infezione da coronavirus, soprattutto nei neri
La vitamina D può ridurre il rischio di infezione da coronavirus, soprattutto nei neri
Le malattie gengivali possono aumentare il rischio di COVID-19 grave
Le malattie gengivali possono aumentare il rischio di COVID-19 grave
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni