occhi-blu

La favola degli occhi azzurri al laser: oggi si può scegliere di avere gli occhi blu anche "a comando". Del resto, ve ne avevamo già parlato, basta andare in California e con un laser e appena venti secondi del vostro tempo e, per dirla alla Pozzetto "Taaac!", i vostri nuovi occhi sono belli che pronti. La scoperta, che si deve a Gregg Homer, il fondatore dello Stroma Medical Center della californiana Laguna Beach, che è riuscito ad isolare una tipologia di trattamento irreversibile che riesce a rimuovere lo strato di pigmenti marroni per inserire quelli azzurri, però potrebbe portare molti rischi.

Su tutti il rischio di contrarre il glaucoma. L'Università dell'Illinois si è schierata duramente contro lo "scienziato pazzo" Homer spiegando che "il cambio di colore è effettivamente possibile se si utilizza il laser per rimuovere il pigmento, ma tale pigmento deve poi confluire da qualche parte". Abbandonando l'astrusità dei termini medici e spiegandolo in parole povere: non sarebbe vero che il pigmento rimosso, scrostato, venga "digerito" senza problemi dal nostro corpo umano. E non c'è da dimenticare che il glaucoma pigmentario porta cause irreversibili all'essere umano, tra queste la cecità.

Le dichiarazioni di Gregg Homer: "Scoperta importante"

Gregg Homer, alcuni giorni fa, era intervenuto sul New York Daily News per parlare della sua grande scoperta e, in poche ore, la notizia ha fatto il giro del mondo. Vale la pena ricordarvi che il cambio del colore degli occhi si può attuare solo se si hanno gli occhi marroni perchè sotto lo strato di pigmenti scuri, il bulbo oculare è di colore azzurrino. Quindi niente di più semplice, secondo Homer: basta rimuovere la parte superiore dell'iride ed il gioco è fatto.

Tutto il lavoro lo farà un laser leggero che può essere sparato sulla cornea, disintegrando irriversibilmente il pigmento marrone, di modo possa uscire fuori quello azzurro. E' un intervento che dura appena venti secondi, ma per avere gli occhi azzurri bisognerà aspettara almeno due settimane e, anzi, nei primi giorni possono sembrare addirittura più scuri. Per adesso l'operazione è in fase sperimentale: diciassette sono stati fino ad ora i volontari che hanno cambiato il loro colore con successo. Un sondaggio rivela che, su 2000 paziente, il 17,5% si sottoporrebbe volentieri al trattamento L'inventore sostiene che secondo un sondaggio condotto su 2.000 pazienti, il 17,5 per cento si sottoporrebbe al trattamento. Voi siete tra questi? Io, personalmente, mi tengo i miei di occhi!