29 Settembre 2021
20:18

Chi non entra nei jeans che indossava a 21 anni rischia di sviluppare il diabete

La regola empirica del professore Roy Taylor, uno dei massimi esperti al mondo di diabete, evidenzia l’importanza del girovita: “Se non si riesce più a indossare i pantaloni di quando si avevano 21 anni, c’è un più alto rischio di diabete di tipo 2, anche se non in sovrappeso”.
A cura di Valeria Aiello

C’è una regola empirica, secondo cui le persone che non riescono più ad entrare nei jeans che indossavano a 21 anni rischiano di sviluppare il diabete di tipo 2, anche se non sono in sovrappeso. Questo perché “stanno trasportando troppo grasso” ha affermato il professor Roy Taylor dell’Università di Newcastle, uno dei massimi esperti al mondo di diabete, che ha evidenziato l’importanza del girovita (e non solo dell’indice di massa corporea, BMI) sul rischio di sviluppare la malattia metabolica nella sua forma più comune.

Le persone normopeso con diabete di tipo 2 possono “ottenere la remissione” perdendo peso, ha indicato Taylor, presentando i dati preliminari di un’analisi di cui è l’autore principale in occasione della conferenza dell’Associazione Europea per lo studio del diabete (EASD). I risultati, in particolare, hanno indicato che 8 persone su 12 si sono “sbarazzate” della loro condizione, perdendo dal 10 al 15% del proprio peso corporeo. Queste persone, che avevano il diabete di tipo 2 nonostante un BMI normale (tra 18,5 e 24,9), sono riuscite a ridurre i livelli di grasso nel fegato e nel pancreas, e l’attività delle cellule produttrici di insulina nel pancreas è stata ritenuta ripristinata.

I medici tendono a presumere che il diabete di tipo 2 abbia una causa diversa in coloro che non sono in sovrappeso – ha precisato Taylor – . Quello che abbiamo dimostrato è che i pazienti di peso normale, che perdono dal 10 al 15% del proprio peso, hanno ottime possibilità di liberarsi del diabete”.

I partecipanti allo studio, che avevano un BMI medio di 24,5, hanno seguito un programma di perdita di peso corporeo che includeva una dieta liquida a basso contenuto calorico per due settimane, in cui ogni giorno consumavano solo 800 calorie attraverso zuppe e frullati. Questo programma è stato completato per tre cicli, fino alla perdita di peso.

Sebbene preliminari, ha affermato Taylor, i risultati “dimostrano molto chiaramente che il diabete non è causato dall’obesità ma dall’essere troppo pesante per il proprio corpo”. E ha aggiunto: “Come regola generale, il tuo girovita dovrebbe essere lo stesso di quando avevi 21 anni. Se non riesci più a indossare i pantaloni della stessa taglia, allora stai trasportando troppo grasso e quindi sei a rischio di sviluppare diabete di tipo 2, anche se non sei in sovrappeso”.

Perché se hai più di 35 anni dovresti fare il test per il diabete
Perché se hai più di 35 anni dovresti fare il test per il diabete
I vaccinati contagiati hanno un rischio dimezzato di sviluppare la Long Covid
I vaccinati contagiati hanno un rischio dimezzato di sviluppare la Long Covid
La vitamina D può dimezzare il rischio di cancro al colon retto in chi ha meno di 50 anni
La vitamina D può dimezzare il rischio di cancro al colon retto in chi ha meno di 50 anni
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni