Dall'Andorra fino alla Catalogna scorre il fiume Valira che attraversa la frazione di La Seu d'Urgell e che, nelle scorse ore, ha preoccupato la popolazione locale a causa del suo scioccante colore: nella mattina di ieri infatti appariva verde fosforescente.

È ancora troppo presto per pensare al giorno di San Patrizio, e comunque non siamo in Irlanda, ma quindi cosa sta succedendo in Spagna?

A fare chiarezza sulla vicenda è Albert Batalla, il sindaco di Seu d'Urgell, che via Twitter spiega:

“Si tratta di un colorante innocuo, non tossico e biodegradabile che hanno utilizzato per un'investigazione sul tema dell'acqua di Arinsal. Non ci sono pericoli per la salute dell'essere umano e del fiume stesso e nelle prossime ore dovrebbe scomparire”.

Secondo le fonti locali, il colorante sarebbe stato versato volontariamente in acqua come prassi nel corso delle indagini che gli esperti stanno effettuando sulla contaminazione della fonte d'Arinsal che, nella primavera del 2016, era stata chiusa dopo che centinaia di persone tra Barcellona e Tarragona erano state colpite da gastroenterite dopo averne bevuto l'acqua.

Da l'anno scorso si indaga sulle cause della contaminazione e questa della colorazione dell'acqua sarebbe una pratica utilizzata proprio per verificare il livello di vulnerabilità del pozzo.

Per quanto le immagini abbiamo fatto preoccupare la popolazione locale, e non solo, sembrerebbe però che non ci sia nulla di cui avere paura, tanto che oggi il fiume appare già del suo colore naturale. Ancora però non sono stati pubblicati i risultati delle indagini in corso.

[Foto copertina Comú Sant Julià]