Li chiamano Cerchi di Fate e si tratta di zone circolari prime di vegetazione che sono talmente precise da sembrare finte e create ad arte dagli essere umani. In realtà, però, l’origine di queste formazioni ci dimostra ancora una volta quanto la natura sappia essere perfetta da sola, senza bisogno di interventi divini o umani. I risultati dello studio, intitolato “A theoretical foundation for multi-scale regular vegetation patterns”, sono stati pubblicati su Nature e mettono insieme le teorie più comuni sulla formazione di questi cerchi.

Una teoria sostiene che i Cerchi di Fate siano formati dalle termiti della sabbia del genere Psammotermes allocerus che distruggono la vegetazione circostante la loro tana per ridurre la competizione per l’acqua con le piante stesse: insomma, visto che sia loro che le piante hanno bisogno di acqua e si trovano in un ambiente in cui questa risorsa scarseggia, le termiti fanno in modo di distruggere le loro competitor per assicurarsi una maggior quantità di liquidi. Altri ritengono invece che a formare questi cerchi siano la pioggia e la competizione tra le piante.

[Foto di Tyler Coverdale, Princeton University; and Jen Guyton, Princeton University]

Secondo i ricercatori della University of Strathclyde, la risposta non starebbe unicamente in una delle teorie elencate, ma la causa della formazione dei Cerchi delle Fate starebbe in entrambe le ipotesi. “La nostra scoperta unisce le due teorie spiega il perché della formazione di cerchi regolari nella vegetazione in giro per il mondo” spiegano i ricercatori. Nel caso dei Cerchi di Fate, le termiti rimuovono la vegetazione dei tumuli per incrementare l’umidità, fondamentale per la loro sopravvivenza in contesti così tanto secchi. Così facendo, le piante restanti, come le termiti, godono dell’acqua in avanzo e crescono ancor di più.

Questo equilibro naturale è dunque la risposta scientifica ad una formazione della vegetazione che, per la credenza popolare, rappresentava le impronte del Dio Mukuru che porta pioggia.

[Foto copertina di Wikipedia]