Oltre ai giganti, ci sono anche loro: asteroidi, comete e meteoriti che non hanno la dimensione di stelle o pianeti, ma che periodicamente diventano fenomeni osservabili anche dalla Terra. Tra questi alcuni sono posti sotto osservazione da Usa, Ue e da altri paesi perché considerati potenzialmente pericolosi. Vengono definiti NEO (near-Earth object) quei corpi celesti che raggiungono una distanza minima dal Sole di almeno 1,3 UA (poco meno di 200.000.000 km). Per dare un valore numerico alla possibilità di impatto e al potenziale distruttivo di un asteroide pericoloso si utilizzano due misurazioni che sono rispettivamente la Scala Palermo e la Scala Torino. Al momento il primato nella classifica della prima scala è detenuto dall’asteroide 1950 DA, che ha una possibilità su 300 di impattare sulla Terra nel 2880.

TWITTER

Asteroidi

Scale Torino, Palermo e Mercalli: perché i disastri si misurano in “italiano”
Asteroidi in arrivo nel 2017: la Terra sarà “sfiorata”, ma non ci saranno pericoli
L’asteroide 2012 TC4 colpirà la Terra il 12 ottobre 2017?
L’asteroide che potrebbe diventare luna della Luna
La cometa Siding Spring sfiorerà Marte in un evento rarissimo: accade una volta ogni milione di anni
Meteorite cade in Nicaragua: si apre cratere profondo 5 metri
Domenica 7 settembre l’asteroide 2014 RC passerà vicino alla Terra
Cerere e Vesta si danno appuntamento nei cieli
Arriva “la Bestia”, l’asteroide 2014 HQ124