La Nutella nasconde un segreto: i gusci delle nocciole di cui è fatta danno origine ad una speciale fibra prebiotica che fa bene alla salute. A quanto pare infatti Ferrero è riuscita a trovare un modo per non sprecare l'enorme quantità di gusci e cuticole delle nocciole necessarie per realizzare uno dei dolci più amati di sempre: la Nutella appunto. Ma cos'è questa fibra?

Il suo nome è Axos ed è una fibra prebiotica che ha proprietà antiossidanti ed effetti positivi sul nostro sistema immunitario, cardiovascolare e sul metabolismo dei lipidi, Roberto Menta, direttore nutrizione e sostenibilità Soremartec, la società del gruppo Ferrero specializzata in Ricerca & Sviluppo. La fibra si ottiene dal 20% del guscio attraverso un processo di estrazione ottenuto in seguito a studi avanzati con diverse università e centri di ricerca internazionali.

Cos'è un prebiotico. Si chiama prebiotica ogni sostanza che è presente nel cibo e non viene assorbita dal nostro organismo, ma utilizzata dalla flora intestinale. In pratica si tratta di sostanze non digeribili che però aiutano la crescita e l'attività di alcuni batteri che sono presenti nel nostro tratto intestinale.

E non è tutto. La Ferrero non si limita al riutilizzo dei gusci, ma anche delle cuticole (le pellicine delle noci per intenderci). Questa infatti sono ricce di polifenoli, preziosi per i radicali liberi, le malattie metaboliche e la degenerazione cognitiva. Per capire come sfruttare al meglio queste risorse, Ferrero sta lavorando ad uno studio con la collaborazione della Cambridge University e dell'Università di Parma per comprendere “gli effetti dei polifenoli contenuti nella cuticola di nocciola sull'elasticità delle arterie”.

Considerando che, da sola, Ferrero è il maggior utilizzatore mondiale di nocciole, stiamo parlando di un terzo della produzione globale, comprendere come riutilizzarne gli scarti è importante: stiamo parlando del 50/55% del frutto per il guscio, e del 2% del frutto per la cuticola.